Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Arabia Saudita spera in stabilizzazione mercati del petrolio

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 24/11/2015 (15:50)
Secondo quanto riportato dai media, il governo dell’Arabia Saudita ha affermato che il paese è pronto a cooperare con membri dell’OPEC (Organizzazione paesi esportatori di petrolio) e non, per stabilizzare i mercati del petrolio. In precedenza, l’Iran aveva chiesto all’Arabia Saudita di tagliare la produzione petrolifera per aiutare a stabilizzare i prezzi, mentre l’Algeria aveva suggerito una riunione di emergenza dell’OPEC per discutere del calo dei prezzi del greggio a livello globale.

I paesi dell’OPEC si riuniranno il 4 dicembre. Ci si aspetta che altri membri dell’organizzazione facciano pressione sull’Arabia Saudita affinché abbandoni la politica attuale e a collabori per rialzare i prezzi.

Intanto, il Ministro del petrolio del Venezuela Eulogio del Pino ha affermato che l’OPEC dovrebbe cooperare con i suoi rivali per stabilizzare i prezzi. Secondo il ministro, una volta che le sanzioni verranno rimosse completamente l’Iran accrescerà la sua produzione petrolifera, esercitando così un’ulteriore pressione ribassista sui prezzi. Eulogio del Pino ha affermato che se i paesi dell’OPEC continueranno a seguire le politiche attuali, i prezzi del petrolio potrebbero scendere sotto i $30/barile nel 2016.

Eulogio del Pino ha aggiunto che il calo dei prezzi del petrolio sta danneggiando le prospettive di investimenti petroliferi futuri. In precedenza, anche il direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) Fatih Birol, aveva riportato che gli investimenti petroliferi diminuiranno nel 2016, specialmente nelle regioni ad alto costo, se i prezzi rimarranno vicini ai livelli attuali.
Prova Gratuita
Login