Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Asia, player valutano impatto crisi finanziaria di Hanjin

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 07/09/2016 (12:00)
I player in Asia stanno valutando il potenziale impatto delle recenti notizie riguardanti la più grande società di navigazione della Corea del Sud, Hanjin Shipping Co. che ha chiesto l’amministrazione controllata alla fine della scorsa settimana. Alcuni player hanno riferito di non aver osservato nessun impatto dalla crisi finanziaria di Hanjin, mentre altri sono preoccupati circa tassi di nolo più alti e problemi di offerta.

Un agente in Malesia ha riportato di non essere stato colpito dalla decisione della società, in quanto non utilizza i loro servizi. L’agente ha aggiunto che si aspettava che la società fallisse, a causa dei deboli risultati finanziari.

Un trader in Vietnam che non lavora con Hanjin ha osservato “Abbiamo sentito che Hanjin ha promesso di spedire i carichi ai clienti, per cui non crediamo che ci saranno problemi, nonostante la crisi della compagnia”.

Un distributore in Cina ha riferito “Non abbiamo osservato nessun impatto sui prezzi, e crediamo che verranno colpiti per lo più i paesi europei, anche se non a lungo, poiché potranno rivolgersi ad altre società di navigazione”.

Dall’altra parte, un produttore in Cina crede che l’amministrazione controllata chiesta da Hanjin colpirà il mercato, affermando “Abbiamo sentito che le spedizioni dalla Corea alla Cina non hanno subito conseguenze, ma che le spedizioni dalla Corea agli USA e all’Europa risentiranno di questa situazione”.

Un trasformatore di borse in tessuto non tessuto nelle Filippine ha affermato che i possibili effetti sull’offerta potrebbero essere osservati solo dopo fine settembre. Il trasformatore ha aggiunto “I nostri fornitori stanno però cercando tassi di nolo più alti, citando la crisi di Hanjin”.

Un produttore a Singapore ha riportato che un buon numero di carichi diretti in Cina sono fermi a Singapore, e che questo porterà a delle interruzioni nell’approvvigionamento di materiale nel breve termine.
Prova Gratuita
Login