Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Aumenti di gennaio frenano discesa del PE in Europa, nuovi aumenti possibili a febbraio

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 27/01/2020 (11:54)
I mercati del PE in Europa hanno aperto gennaio in rialzo, facendo aumentare i prezzi spot rispetto ai minimi degli ultimi anni. Le trattative di PE di gennaio sono state chiuse da rollover a leggeri aumenti dopo che gli aumenti iniziali di €50/ton sono risultati essere non attuabili. I player hanno ora spostato l’attenzione su febbraio, con attese che indicano un trend rialzista.

Alcune trattative di gennaio chiuse in rialzo nonostante l’etilene stabile

Anche se i venditori di PE hanno fatto un passo indietro dai tentativi di amento iniziali , alcuni di loro sono riusciti a ottenere leggeri aumenti di €20/ton sulle trattative, ignorando il contratto dell’etilene stabile per gennaio e la mancanza di un miglioramento nell’attività di ristoccaggio.

I margini ridotti dei produttori regionali e gli aumenti negli altri mercati globali di PE a inizio anno hanno aiutato i venditori a spingere in rialzo i prezzi dai minimi registrati dal 2009.

Tuttavia, sono passati anche dei rollover sulle trattative a causa della resistenza dei buyer in alcuni casi.

Mercato PE resta ben fornito

L’offerta di PE complessiva è stata riportata come ampia nei mercati della regione a causa della mancata ripresa dell’attività di ristoccaggio per il mese corto. Questo è in parte dovuto ai grossi acquisti fatti dai trasformatori negli ultimi due mesi, che hanno sfruttato al meglio i prezzi di PE ai minimi degli ultimi anni.

Prezzi spot dell’etilene guadagnano terreno nonostante volatilità delle materie prime

Tuttavia, la disponibilità ridotta del monomero per alcuni fermi impianto è stata indicata come causa degli aumenti di prezzo dell’etilene, nonostante la volatilità nei mercati delle materie prime. I prezzi spot dell’etilene indicano un aumento di €85/ton rispetto a fine dicembre, secondo il Price Wizard di ChemOrbis.

I future del petrolio, intanto, hanno di recente registrato diminuzioni consecutive per l’allentarsi delle tensioni tra USA e Iran e per le preoccupazioni dovute al diffondersi del coronavirus in Cina. Queste diminuzioni stanno pesando anche sul mercato della nafta.

Outlook febbraio rialzista, crescerà la domanda?

I venditori pensano a possibili aumenti per febbraio, visto che i prezzi spot dell’etilene in rialzo hanno rafforzato il sentimento. La maggior parte dei player ritiene che i produttori che hanno margini ridotti giustificheranno i loro tentativi di aumento con l’aumento dei prezzi del monomero.

I produttori potrebbero aumentare le offerte perché la domanda è solitamente migliore tra febbraio e marzo, come sottolineato da un venditore.

Inoltre, le importazioni ridotte di PE dal Medio Oriente a causa dei fermi impianto hanno supportato i mercati di PE a livello globale.

Tuttavia, alcuni player concordano sul fatto che il mercato non sia in grado di assorbire degli aumenti a febbraio a causa dei livelli di scorta buoni da parte dei buyer e dei mercati di prodotti finiti deboli.

Prova Gratuita