Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Cina, importazioni totali di polimeri gennaio-maggio ai massimi da quasi 20 anni

di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 12/07/2019 (11:59)
Le importazioni complessive di polimeri della Cina durante i primi cinque mesi del 2019 sono aumentate del 14% a oltre 10 milioni, raggiungendo i massimi in circa 20 anni da quando ChemOrbis ha iniziato a compilare le statistiche di importazione del paese nel 2001.

Il record permette alla seconda economia più grande al mondo di superate la cifra dello scorso anno nonostante l’imposizione di tariffe su diversi prodotti a causa delle tensioni commerciali con gli USA dallo scorso anno.

Arabia Saudita rimane il fornitore principale

Il fornitore principale è stata l’Arabia Saudita con importazioni in aumento del 27% sull’anno a quasi 2 milioni di ton durante il periodo. Il secondo fornitore è stata la Corea del Sud dato che le importazioni dal paese vicino sono aumentate del 6.5% a poco più di un milione di ton.

L’Iran è riuscito a superare il Taiwan raggiungendo il terzo posto, nonostante il forte impatto delle sanzioni degli USA sul commercio del paese. I carichi di polimeri dal paese sono aumentati del 13% superando leggermente 1 milioni di ton. Il Taiwan, nel frattempo, è slittato al quarto posto nonostante le importazioni dal paese siano aumentate del 7.7% a circa 1 milione di ton, molto vicino all’Iran.

D’altra parte, le importazioni dagli USA sono calate quasi del 30% a 351,097 ton durante il periodo da gennaio a maggio a causa delle tensioni commerciali. I player stanno tenendo d’occhio la ripresa delle negoziazioni dopo il vertice del G20 per vedere se ci sarà una ripresa nella seconda metà dell’anno.



Importazioni di HDPE in rialzo del 14%, arrivi dagli USA in calo

Sulla base del prodotto, le importazioni di HDPE della Cina sono aumentate del 14% sull’anno a 3.2 milioni di ton, raggiungendo i massimi. L’Arabia Saudita è il fornitore principale con 162,000 tonm seguita dall’Iran con 144,000 ton e dagli EAU con 70,686 ton.

Le importazioni dagli USA sono diminuite dell’83% a 29,499 ton da 172,764 durante lo stesso periodo dell’anno precedente. La Cina ha imposto dazi di ritorsione sull’LDPE e l’HDPE rispetto ad agosto dell’anno scorso, che hanno frenato le esportazioni in crescita degli USA di questi gradi.

Importazioni LLDPE in rialzo del 29% superando 2 milioni di ton in 5 mesi

Le importazioni di LLDPE della Cina sono aumentate del 29% a più di 2 milioni di ton. L’Arabia Saudita è stata ancora il fornitore principale con 563,295 ton. Il secondo è stato il Singapore con 405,348 ton, seguito dalla Tailandia con 294,700 ton.

Le importazioni dagli USA per questo grado sono diminuite di oltre la metà sull’anno durante questo periodo a 47,938 da 108,073 ton.

Importazioni LDPE in rialzo del 13%, Iran rimane il fornitore principale
La Cina ha importato più LDPE nei primi cinque mesi dell’anno, con aumenti del 13% arrivando a 1,399,000 ton rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il fornitore principale di LDPE della Cina è stato l’Iran nonostante le sanzioni degli USA arrivando a 320,205 ton, seguito dall’Arabia Saudita con 192,982 ton. Gli USA si sono classificati terzi con 124,047 ton per questo grado, non essendo bersaglio delle tariffe nonostante le tensioni commerciali.

Importazioni PP omo in calo a causa dei nuovi impianti in programma

A differenza degli altri polimeri, il paese ha importato meno PP omo dai paesi esteri durante il periodo, con importazioni in calo dell’1.6% sull’anno a 1,352,000 ton a causa delle capacità locali in aumento.

La Corea del Sud è stata il fornitore principale con 319,231 ton, seguita da Arabia Saudita e Singapore rispettivamente con 185,909 ton e 137,953 ton.

Importazioni di PP copo in rialzo del 17%

Le importazioni di PP copo della Cina durante il periodo da gennaio a maggio sono aumentate del 17% sull’anno a 619,000 ton. Il fornitore principale è stato il Taiwan con 193,989 ton. Singapore e Corea del Sud sono stati i secondi con 151,498 ton e 89,244 ton rispettivamente.

Questo è stato uno dei pochi gradi di cui l’Arabia Saudita non è stata tra i primi tre fornitori. Il Medio Oriente è arrivato al sesto posto con 35,954 ton.

Importazioni PVC in rialzo del 6%, PS del 23%

Le importazioni di PVC durante i primi cinque mesi del 2019 sono aumentate del 6% sull’anno a 284,000 ton. Gli USA hanno spedito più PVC verso la Cina, 135,511 ton. Taiwan è stato il secondo in termini di volume, con 77,959 ton e il Giappone il terzo con 37,686 ton.

Le importazioni di PS durante il periodo da gennaio a maggio sono aumentate del 23% sull’anno a 311,000 ton. L’esportatore principale di PS è stato il Taiwan, con 91,510 ton. Singapore e Malesia hanno raggiunto il secondo e il terzo posto con 38,489 ton e 33,824 ton rispettivamente.

La crescita delle importazioni della Cina si sgonfierà nel secondo semestre?

Le importazioni della Cina ai massimi nei primi cinque mesi hanno confermato gli elevati livelli delle scorte nel paese, ciò è stato citato come una delle ragioni principali che hanno spinto il trend al ribasso per molti polimeri da metà aprile. Il calo è durato due mesi in molti mercati dei polimeri.

Le tensioni commerciali hanno continuato a causare danni nonostante le nuove speranze per una risoluzione. Gli USA forse dovranno trovare soluzioni alternative alla Cina mentre quest’ultima sta pianificando di aumentare gli impianti di PP e PE entro la fine di quest’anno, e questo probabilmente diminuirà l’interesse all’acquisto per le importazioni.

Il possibile rallentamento dell’economia cinese sta mettendo in dubbio la possibilità che la Cina mantenga i massimi livelli nelle importazioni per la seconda metà dell’anno.
Prova Gratuita