Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Come risponderanno i mercati globali di PP, PE e PVC all’aumento del petrolio oltre i $90?

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 08/04/2024 (11:32)
I future del petrolio sono aumentati oltre i $90/bbl alla fine della scorsa settimana, vedendo i loro livelli massimi da novembre, guidati da un outlook di offerta limitata, con speculazioni circa l’estensione dei tagli alla produzione dell’OPEC+ fino alla fine dell’anno e gli attacchi dei droni alle raffinerie russe che mantengono vivo il nervosismo. Sebbene i mercati globali di PP, PVC e PE siano ancora pervasi da una tiepida domanda da parte dei settori dei derivati, i costi elevati delle materie prime hanno aiutato i fornitori in una certa misura.

PP: Mercati vanno meglio rispetto a PE per via dei costi

Asia

I mercati asiatici hanno seguito trend divergenti questa settimana, divisi fra costi elevati e domanda lenta. In India, l’ampia disponibilità sia nei mercati domestici che in quelli regionali ha messo pressione sul PP, nonostante l’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime e i fondamentali economici forti. Il mercato ha anche visto un’attività di acquisto in calo in vista della fine dell’anno fiscale il 31 marzo. Di conseguenza, i prezzi del PP omo rafia e iniezione hanno continuato a essere quotati in calo fino a $990/ton su base CIF.

In Cina, il PP di importazione ha seguito un trend da stabile a leggermente in rialzo per via della domanda lievemente migliore e dell’offerta relativamente in calo. A supportare ulteriormente il mercato c’è stata la notizia che l’indice dei manager degli acquisti (PMI) per il settore manifatturiero della Cina è tornato in zona di espansione a marzo dopo cinque mesi di contrazione, secondo i dati del National Bureau of Statistics (NBS). Ciononostante, i prezzi nel Sudest Asiatico hanno subito il peso dei carichi di PPH interessanti ex-Cina in Vietnam, con i prezzi di importazione complessivi della rafia nella regione in calo di $20-30/ton sulla settimana.

Europa

Sebbene il PP sia andato meglio del PE per via dei problemi locali di produzione nel primo trimestre e delle deviazioni del Mar Rosso, i player si sono resi conto della crescente pressione da parte dei carichi extra-europei, principalmente dall’Asia e dal Medio Oriente. I costi in rialzo delle materie prime hanno permesso ai produttori di iniziare ad applicare rialzi in linea con l’aumento del monomero, sebbene la risposta sia stata tiepida per via della prolungata pausa festiva nella regione. L’obiettivo dei venditori di migliorare i propri margini resta intatto, facendo affidamento all’aumento dei future del petrolio, ma la maggior parte dei player non crede che aumenti significativi possano passare sulle trattative di aprile.

Turchia

Le idee di vendita in calo hanno spinto i prezzi del PP rafia del Medio Oriente a $1100/ton su base CIF, soggetti a dazio doganale del 6.5% sui minimi del range, mentre il PP fibra è diminuito a $1150/ton con gli stessi termini. Tuttavia, i lunghi tempi di consegna dalla regione hanno mantenuto i volumi di acquisto limitati al minimo necessario. Ad aumentare la pressione ci sono stati i problemi di liquidità, che sono continuati dopo le elezioni locali di domenica scorsa. Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, i prezzi del PP rafia dell’Arabia Saudita hanno toccato i livelli minimi dalla prima metà di gennaio. La domanda letargica nei settori dei derivati insieme alla pausa festiva hanno superato la catena delle materie prime e la disponibilità in pronta consegna limitata.

Una fonte di un produttore del Medio Oriente ha detto, “I nostri costi del propilene e dell’etano sono aumentati quando i netback hanno iniziato ad essere di nuovo sfavorevoli in Turchia. Se i margini continuano a ridursi, i produttori potrebbero diminuire i tassi di utilizzo”.

PE: Miglioramento offerta pesa sui mercati globali

Asia

In India, i buyer non hanno avuto fretta di rifornire le loro scorte, e l’ampia disponibilità di PE ha spinto in calo soprattutto l’HDPE e l’LLDPE. Allo stesso modo, i prezzi del PE su base CIF Sudest Asiatico non sono stati influenzati dall’aumento del complesso energetico, con i mercati che hanno seguito un trend da stabile a in calo sulla base della pressione della domanda. Le offerte di PE in Cina, nel frattempo, sono rimaste invariate fra il mercato spot resiliente dell’etilene e i dati economici postivi circa il settore manifatturiero del paese.

Europa

Il sentimento è rimasto indifferente ai contratti di aprile in rialzo delle olefine per via della domanda in calo dopo il trend rialzista di tre mesi. Sembra improbabile che i mercati del PE assorbano ulteriori aumenti per via dell’arrivo di importazioni a livelli aggressivi. I prezzi del PE statunitense sono diminuiti nelle ultime due settimane, attestandosi al di sotto dei minimi dei range dei prezzi spot europei. Questo, insieme al mese corto di aprile, potrebbe ostacolare gli obiettivi dei venditori di recuperare le perdite di margine.

Turchia

La maggior parte dei produttori del Medio Oriente ha approcciato il mercato con le offerte di aprile in calo, tenendo a mente che aprile è un mese corto in termini di giorni lavorativi per via della festività dell’Eid al-Fitr. Una fonte di un venditore regionale di PE ha affermato, “È meglio completare le nostre attività mensili prima che i player inizino le loro festività”.

Sebbene un produttore dell’Arabia Saudita abbia inizialmente cercato rollover rispetto agli ultimi livelli di marzo, il debole interesse dei buyer ha spinto il produttore a fare un passo indietro. In generale, le trattative di LLDPE C4 film e di HDPE film sono diminuite a circa $1080-1090/ton su base CIF in risposta a serie controfferte.


“L’offerta ampia dall’Iran ha spinto l’HDPE a nuovi minimi questa settimana. Il mercato nazionalizzato è sceso al di sotto della soglia dei $1400/ton IVA incl., mentre le offerte di importazione hanno toccato i $1060/ton su base CIF sui minimi del range”, hanno riferito diversi distributori. Alcuni player pensano che le attività potrebbero vedere una lieve crescita dopo la lunga festività se la stagionalità inizia.

PVC: Domanda letargica, ampia offerta asiatica superano etilene elevato

Asia

I prezzi di importazione del PVC sono stati per lo più stabili in Cina dalla fine di marzo poiché l’attività calma e l’ampia offerta domestica hanno oscurato il mercato. I player aspettavano le offerte di maggio di un importante produttore di Taiwan, per le quali le aspettative indicavano da rollover a lievi cali fra il complesso energetico in aumento e le deboli condizioni della domanda e dell’offerta. “I tassi di produzione in aumento persistono poiché i margini della soda caustica restano favorevoli. Questo ha esacerbato la situazione di eccesso di offerta per il PVC”, ha commentato un player.

L’ampia disponobilità cinese si è ripercossa anche sul Sudest Asiatico poiché le offerte per questa origine hanno continuato a fornire un vantaggio competitivo sui minimi del range del mercato di importazione del PVC. Allo stesso tempo, i costi favorevoli dell’etilene hanno spinto i venditori locali ad aumentare i loro prezzi in Vietnam e in India.

La domanda stagnante in India e una mancanza di problemi di offerta nella regione potrebbero mantenere il sentimento in ribasso nel breve termine, come hanno detto i player. Ciononostante, l’aumento dei benchmark del petrolio probabilmente sosterrà il mercato del PVC nonostante le idee di vendita in calo nella regione.

Europa

I venditori di PVC non hanno ancora annunciato i loro prezzi di aprile nella regione al momento della pubblicazione poiché i player devono ancora rientrare completamente sul mercato dopo le festività di Pasqua. Tuttavia, il loro obiettivo di migliorare i margini è continuato per via del contratto in rialzo dell’etilene. “I buyer potrebbero mostrare resistenza ad ogni tentativo di aumento oltre la metà del rialzo del monomero. L’alta stagione dovrebbe essere già iniziata, ma l’attività resta ferma per il momento. Il trend rialzista dei future del petrolio potrebbe sostenere i venditori durante le negoziazioni la prossima settimana”, ha commentato un player.

Turchia

La domanda piatta è stata sentita più profondamente questa settimana, con i consumatori di PVC che sono rimasti inattivi prima dei fermi impianto temporanei presso le loro fabbriche per la pausa dell’Eid al-Fitr. I prezzi del K67 dagli USA sono scesi al di sotto della soglia degli $800/ton su base CIF ma non sono riusciti a stimolare più propensione da parte dei buyer. Allo stesso modo, i fornitori europei hanno ridotto i loro prezzi iniziali di aprile in risposta alle controfferte in calo, nonostante il contratto in rialzo dell’etilene.

Le crescenti tensioni geopolitiche in Medio Oriente hanno spinto in rialzo i benchmark del petrolio, con i future del petrolio ICE Brent in Europa che sono aumentati avvicinandosi ai $91/bbl. Se la catena delle materie prime resta favorevole, gli ulteriori cali potrebbero essere piccoli. Inoltre, alcuni player sperano di vedere una ripresa della domanda dopo le festività con il supporto dei fattori stagionali.

Prova Gratuita
Login