Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Costi in calo, calma da fine anno incombono su mercati di PP, PE in Europa

  • 29/11/2018 (12:07)
In Europa, l’interesse all’acquisto per PP e PE è visibilmente diminuito perché il mercato è dominato dalle attese ribassiste per il prossimo contratto dei monomeri. Inoltre, dicembre sarà un mese breve in termini di giorni lavorativi e l’imminente fine dell’anno, con la chiusura dei bilanci di fine anno, stanno scoraggiando la domanda.

Le attese per i contratti di etilene e propilene per dicembre indicano diminuzioni tra i €50/ton e i €100/ton, in linea con le diminuzioni delle materie prime. Per l’etilene, i player hanno indicato l’ampio gap tra il prezzo a contratto di novembre e i valori spot.

Secondo i dati medi settimanali del Price Wizard di ChemOrbis, i prezzi spot della nafta su base CIF NWE hanno registrato una diminuzione complessiva di $95/ton da inizio novembre. I dati mostrano inoltre che i future del petrolio WTI e Brent sono in calo da inizio ottobre 2018, indicando diminuzioni rispettivamente di $23/ton e $25/ton da allora.



Per il PP, la maggior parte dei player ritiene che il PP abbia spazio per diminuire dopo un trend per lo più stabile a novembre. A differenza del PE, i livelli dei prezzi del PP sono piuttosto elevati e alcuni partecipanti hanno condiviso le attese per forti diminuzioni a dicembre.

Un compoundatore in Germania ha affermato che i produttori di PP seguiranno le attese diminuzioni sul propilene, vista la calma da fine anno e i mercati globali deboli.

Tuttavia, c’è un consenso diffuso secondo cui alcuni venditori di PP non rifletteranno l’intera diminuzione del prossimo contratto del propilene sui prezzi, grazie alle dinamiche bilanciate. Nonostante alcune interruzioni nella regione, i fondamenti di mercato sono bilanciati perché i player non hanno riportato una domanda forte.

Affermando ciò, un distributore dal Belgio ha affermato “Ci aspettiamo diminuzioni di €70/ton nel prossimo contratto del propilene mentre i nostri fornitori del nord Europa potrebbero puntare a diminuzioni minori a causa delle interruzioni su alcuni impianti per i livelli bassi del fiume Reno”.

Per quanto riguarda il PE, i produttori dovrebbero avvicinarsi al mercato con diminuzioni minori rispetto al risultato dell’etilene. I prezzi di LDPE potrebbero non avere spazio per diminuire ancora perché sono già a livelli molto bassi, secondo quanto riportato da una fonte di un importante produttore. La fonte ha aggiunto “Per l’HDPE, pensiamo di applicare diminuzioni minori rispetto al risultato dell’etilene”.

Un distributore in Italia ha osservato “Ci aspettiamo diminuzioni di €40/ton sul PE se il contratto del monomero diminuirà di €50-60/ton. I produttori cercheranno di tenere sotto controllo le possibili diminuzioni”.

La questione al centro della disputa resta la possibilità che i produttori riescano a limitare ulteriori diminuzioni di prezzo o meno, soprattutto se l’attesa revisione sul contratto dell’etilene si materializzerà. Inoltre, la pressione dalle scorte sui venditori in vista della fine dell’anno sarà decisiva nel definire il tono del mercato.
Prova Gratuita