Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Crisi Hanjin Shipping, tassi di nolo in rialzo

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 12/09/2016 (15:35)
Secondo quanto dichiarato da fonti di Maersk Line, dopo che la più grande società di navigazione portacontainer della Corea del Sud, Hanjin Shipping Co., ha chiesto l’amministrazione controllata, i tassi di nolo sono aumentati. Maersk, la più grande società di navigazione portacontainer al mondo, ha affermato che il rialzo dei tassi è una reazione che non durerà a lungo, aggiungendo di aver osservato un forte flusso di nuovi clienti. La seconda società di navigazione portacontainer della Ocrea del Sud, Hyundai Merchant Marine Co, ha riferito ai media che utilizzeranno 13 navi aggiuntive per cercare di alleggerire la situazione. La società ha inoltre affermato che i prezzi per le spedizioni di container sono incrementati, e ha aggiunto che il costo per il trasporto di un container da Hong Kong a Los Angeles è salito del 40%, registrando il livello più alto di oltre un anno.

Gli analisti credono che l’aumento dei tassi non sarà duraturo, affermando che se anche Hanjin verrà messa in liquidazione, l’industria continuerebbe a soffrire dello stesso eccesso di capacità come negli anni precedenti. Gli analisti hanno osservato che l’eccesso di capacità è dovuto alla domanda per navi più grandi che sono in grado di trasportare un maggior numero di container a costi ridotti per unità, portando i tassi di nolo ai livelli più bassi mai registrati.

Lo scorso weekend il Tribunale di Newark (USA) ha accolto la domanda della compagnia sud-coreana per la protezione dal fallimento, per cui Hanjin ha potuto avviare lo scarico dei container nei porti. Il più grande azionista di Hanjin, ovvero la Koean Air Lines Co., ha accettato di pagare $54 milioni in fondi per pagare lo scarico. È stato riportato che sono 89 le navi della società ferme al largo con a bordo beni per un valore di $14 miliardi. I porti negli USA, Asia e Europa hanno respinto le navi perché le autorità portuali sono preoccupate di non ricevere il dovuto pagamento.
Prova Gratuita
Login