Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Crisi di Hanjin Shipping colpisce commercio globale

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 02/09/2016 (15:46)
Secondo quanto riportato dai media, la più grande società di navigazione della Corea del Sud, Hanjin Shipping Co., non sta più accettando nuovi carichi e le imbarcazioni sono state allontanate dai porti negli USA dopo che la società di navigazione ha richiesto l’amministrazione controllata nella giornata di mercoledì. Le banche di Hanjin si sono rifiutate di fornire supporto finanziario alla società questa settimana e le imbarcazioni non hanno più potuto attraccare, in quanto i lavoratori avevano paura di non essere pagati.

La decisione di Hanjin ha colpito il commercio globale, poiché i venditori al dettaglio degli USA stanno rifornendo le scorte per le festività e questo portare ad un aumento dei tassi sulle rotte da e per l’Asia.

Hanjin ha chiesto l’amministrazione controllata a Seoul un giorno dopo che i suoi creditori hanno tagliato l’assistenza finanziaria. Tre imbarcazioni dovevano attraccare mercoledì nei porti di Los Angeles e Long Beach, California, ma sono rimaste al largo e i loro carichi sono stati abbandonati a un destino indefinito. Sono emerse incertezze riguardanti il futuro di Hanjin, facendo emergere preoccupazioni secondo cui i creditori potrebbero impossessarsi degli asset, portando ad una congestione dei porti.

Peter Schneider, vice presidente di T.G.S. Transportation Inc. in California ha affermato “I costi saranno altissimi”.

Le preoccupazioni principali derivanti dalla recente decisione di Hanjin sono due. La prima è il possibile rialzo dei tassi di nolo, mentre la seconda riguarda l’offerta, dato che Hanjin detiene il 3.1% delle capacità globali di container, secondo i dati forniti da Alphaliner. Hanjin è la settima compagnia di spedizione al mondo per capacità e trasporta circa 25,000 container attraverso il Pacifico ogni giorno.

Hanjin ha riportato che la Corte della Corea del Sud deve ancora decidere se la compagnia di navigazione debba ricevere supporto finanziario o avere la possibilità di superare questa crisi dopo essersi ristrutturata.
Prova Gratuita
Login