Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Dollaro USA forte rende import di PP, PE in Asia non competitivo

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 17/05/2022 (10:57)
I trader hanno riportato che il rafforzamento del dollaro rispetto ad altre valute straniere ha reso le importazioni di PP e PE non competitive rispetto ai prodotti venduti localmente in Cina, Sudest Asiatico e India a causa dei costi di importazione in salita.

Il dollaro forte ha spinto in rialzo i costi dei carichi di importazione per i buyer asiatici di PP e PE. Con il dollaro in salita, le economie asiatiche sono state obbligate a far indebolire le proprie valute, intervenire nei mercati valutari per limitare la discesa o aumentare i tassi di interesse per rafforzare le riserve delle valute estere.

Importatori incerti per volatilità del cambio

Tra le valute che hanno dovuto far fronte all’impatto del dollaro in salita ci sono lo yuan cinese, la rupia indiana e le valute del Sudest Asiatico.

Lo yuan si è svalutato rapidamente di quasi il 7% nell’ultimo mese, registrando il calo mensile più forte e toccando i minimi da settembre 2020 poiché la Cina ha subito il peso delle restrizioni legate al Covid. Le riserve di valuta estera della Cina sono diminuite di più dalla fine del 2016. La rupia indiana ha toccato nuovi minimi più di una volta in oltre una settimana. Il forte incremento del dollaro USA ha portato il ringgit della Malesia a svalutarsi del 5.3% sull’anno, mentre il baht tailandese ha toccato il minimo degli ultimi cinque anni la scorsa settimana e la rupia indonesiana si avvia verso il minimo degli ultimi due anni..


“La volatilità dei tassi di cambio delle valute ha reso gli importatori incerti. Neanche gli esportatori del Sudest Asiatico, intanto, possono vendere i loro prodotti perché i prezzi non sono competitivi a causa dei costi elevati e i buyer non sono interessati ad importare prodotti finiti”, ha riferito un agente del Sudest Asiatico di uno dei maggiori produttori del Medio Oriente.

“Gli importatori ora devono preoccuparsi anche del rischio legato alla valuta”, ha affermato un trader tailandese. Un trader del Vietnam ha affermato che questo ha portato i buyer a preferire il materiale locale alle importazioni. “I prezzi locali sono molto più convenienti delle importazioni, quindi i prezzi in import non si riescono ad aumentare al momento”, ha aggiunto.

Si amplia gap tra import e prezzi domestici

L’impatto del dollaro forte si risente in un momento in cui i prezzi di PP e PE in Asia sono già sotto l’impatto della disponibilità in crescita a causa di offerte competitive da Cina, Russia e Corea del Sud e della domanda debole.

I prezzi dell’HDPE film, per esempio, sono in calo di circa l’8% da inizio marzo per essere commercializzati nella settimana terminata il 14 maggio a $1350-1430/ton CIF Sudest Asiatico, mentre i prezzi di LLDPE sono diminuiti del 4% nello stesso periodo, come mostrato dal Price Wizard di ChemOrbis. I prezzi di PPH rafia e iniezione sono diminuiti di circa l’8% nello stesso periodo a $1250-1330/ton CIF Sudest Asiatico.

“Il gap tra mercati domestici e di importazione si è ampliato troppo a causa della svalutazione dello yuan contro il dollaro USA”, ha affermato un trader cinese. “La domanda per l’import, quindi, è troppo debole e i buyer ne stanno lontani a meno che non ci sia una necessità urgente o non sia offerto qualche sconto importante”, ha aggiunto.

Mercati locali Cina commercializzati al di sotto dell’import

Il Price Wizard di ChemOrbis mostra che i prezzi import cinesi di HDPE film sono diminuiti di quasi il 7% da inizio marzo a $1150-1190/ton CIF e i prezzi di LLDPE di circa il 5% a $1140-1330/ton CIF, mentre i prezzi di PPH rafia sono diminuiti di circa il 3% a $1150-1190/ton CIF.

I grafici che seguono mostrano in modo evidente che i mercati locali di PP omo e LLDPE sono commercializzati ben al di sotto dell’import su base CIF, anche se, per conoscere i costi finiti dei carichi di importazione, devono essere aggiunti ai valori su base CIF i dazi doganali (se applicabili) e i costi di sdoganamento e trasporto interno.




Prova Gratuita
Login