Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Domanda debole pesa su outlook del PE del SEA per il resto dell’anno

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
  • 15/11/2023 (12:42)
Un sentimento ribassista continua a diffondersi nei mercati del PE nel Sudest Asiatico, soprattutto a causa della debolezza della domanda, con un fabbisogno di fine anno che rimane contenuto nonostante i costi delle materie prime siano aumentati ultimamente. Poiché non si prevede una ripresa della domanda a breve, è probabile che i mercati continuino a diminuire. Anche il mercato cinese ha esercitato pressione sul Sudest Asiatico.

Secondo i dati del Price Index di ChemOrbis, il prezzo dell’LLDPE film ha registrato il calo maggiore, pari a circa il 13%, mentre l’LDPE e l’HDPE film sono diminuiti dell’8-9% negli ultimi due mesi. I prezzi dell’LLDPE film si attestano attualmente in un range di $920-970/ton su base CIF sulla base dei prezzi rilevati finora questa settimana, mentre i prezzi dell’LDPE film si sono attestati in un range di $950-1000/ton e l’HDPE film in un range di $960-1020/ton, tutti su base CIF Sudest Asiatico, cash. Anche i prezzi dell’HDPE blow moulding sono diminuiti di circa il 13% nello stesso periodo, attestandosi a circa $900-940/ton su base CIF.

SEA_PE_prices

Buyer inattivi per possibili ribassi in futuro

“Le condizioni di mercato per la maggior parte delle materie plastiche e dei polimeri sono deboli, a nostro avviso. I prezzi della maggior parte dei prodotti, tra cui il PE e l’etilene vinil acetato (EVA), sono in calo. Per i produttori di EVA e LDPE, al momento non sembra esserci nulla a cui fare riferimento”, ha dichiarato un trader vietnamita. I prezzi dell’EVA in Cina sono diminuiti negli ultimi due mesi di circa il 16% per l’EVA a bassa densità (<18%) e del 13% per il materiale ad alta densità (>18%).

Secondo i trader, la maggior parte dei prezzi ha continuato a diminuire, anche se i venditori hanno cercato di mantenere i prezzi stabili questa settimana. “Il punto è che i buyer sono inattivi perché si aspettano che i prezzi scendano ancora mentre la domanda resta debole. Nessuno è interessato a comprare. Riteniamo che i prezzi possano ancora scendere di altri $50/ton nel breve termine”, ha dichiarato un altro trader in Vietnam. Un trasformatore vietnamita, ha affermato che per la prima volta la sua società non ha avuto un aumento delle vendite per le offerte di fine anno. “Quindi, preferiamo acquistare in base alle necessità e rimanere per lo più inattivi”, ha aggiunto.

Nessuna ripresa della domanda in vista

Anche i trader della regione non si aspettano una ripresa dei mercati del PE nel breve termine, anche se non sono in molti a prevedere un forte trend ribassista. Un trasformatore con sede nelle Filippine ha dichiarato, “I prezzi spot del PE potrebbero rimanere per lo più stabili, anche se ci aspettiamo un calo limitato. I costi delle materie prime in rialzo potrebbero limitare l’entità di ulteriori ribassi”.

I prezzi dell’etilene si sono mantenuti stabili nelle ultime due settimane, dopo essere aumentati di circa il 27% da metà giugno a $940/ton su base CIF Sudest Asiatico e a $870/ton su base CIF Cina. D’altra parte, i future del petrolio Brent sono diminuiti di circa il 10% rispetto ai livelli registrati un paio di mesi fa.

Si prospetta possibile riesportazione della Cina

Il sentimento debole per il PE in Cina ha esercitato pressione anche sui mercati del Sudest Asiatico poiché si teme che ciò possa portare a un aumento delle attività di riesportazione dalla Cina verso la regione. In Cina, una fonte di un produttore di Taiwan ha dichiarato che, sebbene le offerte della sua società siano stabili, nelle negoziazioni potrebbe essere offerto un calo di $10-30/ton. “Sia la domanda di esportazione che quella locale sono deboli. La domanda di esportazione è particolarmente debole rispetto ai mesi precedenti, poiché i prezzi offerti sono ancora alti”, ha dichiarato.

Ha inoltre sottolineato che i prezzi locali cinesi sono più bassi rispetto al materiale importato. “Quindi, naturalmente, vediamo che la gente si rifornisce maggiormente dai mercati locali”, ha aggiunto.
Prova Gratuita
Login