Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Due impianti di PVC in Cina colpiti da esplosioni

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 08/08/2017 (16:23)
Secondo fonti vicine alla società, la cinese Hubei Yihua Chemical ha subito un’esplosione al suo impianto di PVC a Xinjiang il 26 luglio per la seconda volta quest’anno. È stato confermato che l’impianto da 300.000 tonnellate / anno di PVC dell’azienda è stato colpito dall’esplosione.

Lo stesso impianto aveva subito una precedente esplosione anche a febbraio. L’impianto era fermo dal primo incidente e le fonti hanno dichiarato che la data di riavvio rimane poco chiara dopo la seconda esplosione. "L’amministrazione statale condurrà indagini di sicurezza presso l’impianto", ha osservato una fonte.

L’impianto ha una capacità produttiva di 300,000 tons/anno di PVC base carburo e di 600,000 Ton/anno di carbone mentre la capacità produttiva complessiva è di 1,200,000 ton/anno di PVC e 1,800,000 ton/anno di carbone.

Intanto, secondo alcuni player in Cina, si è verificata un’altra esplosione nell’impianto di PVC della Xinjiang Tianye il 7 agosto. Una fonte del produttore cinese di PVC ha riferito “Fino ad ora non abbiamo ricevuto informazioni ufficiali riguardanti l’esplosione, lo abbiamo saputo dai player del mercato”.

Un trader di Shangai ha confermato di aver sentito la notizia, riferendo “ Un’esplosione si è verificata a un impianto di PVC della società il 7 di agosto. L’impianto è in grado di produrre 200,000 ton/anno di PVC base acetilene. Crediamo che le esplosioni che si sono verificate recentemente spingeranno in aumento i prezzi di PVC nel breve periodo.

Xinjiang Tianye, il maggior produttore di PVC base acetilene, ha una capacità produttiva totale di 1.3 milioni di tonnellate anno di PVC.
Prova Gratuita
Login