Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

EIA: prezzi petrolio potrebbero diminuire di $15/bbl

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 08/04/2015 (12:56)
Secondo l’Energy Information Agency (EIA), I prezzi del petrolio potrebbero diminuire di $5-15/barile il prossimo anno, a seguito della messa a punto dell’accordo sul nucleare con l’Iran, che dovrebbe essere firmato il prossimo 30 giugno. Il 2 aprile l’Iran e il gruppo delle 5+1 (USA, Francia, Russia, Cina, Regno Unito e Germania) hanno raggiunto un accordo preliminare sul programma nucleare dell’Iran, che prevede la revoca delle sanzioni da parte di USA e UE nei confronti dell’Iran in cambio della collaborazione da parte del Paese per limitare il programma nucleare.

Secondo l’EIA, l’Iran attualmente ha scorte per 30 milioni di barili di petrolio e potrebbe aumentarne la produzione, nel caso le sanzioni siano revocate. Secondo Bloomberg, l’Iran a marzo ha prodotto 2.85 milioni barili/giorno (bpd) e potrebbe raggiungere una produzione di 700,000 bpd entro la fine del 2016. L’EIA ritiene inoltre che i prezzi medi si attesteranno a circa $70/barile per il petrolio NYMEX e a $75/ton per il Brent, se non verranno revocate le sanzioni nei confronti dell’Iran.

Intanto, le notizie sulla produzione record da parte dell’Arabia Saudita fanno crescere le preoccupazioni sull’eccesso di petrolio a livello globale. Secondo fonti dei media, i dati più recenti mostrano che l’Arabia Saudita ha registrato una produzione record di petrolio a marzo, con 10.3 milioni bpd.
Prova Gratuita
Login