Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Equilibrio precario per il petrolio dopo 4 settimane di cali

di Başak Ceylan - bceylan@chemorbis.com
  • 16/05/2023 (10:28)
I prezzi del petrolio hanno registrato un calo di oltre l’1% venerdì, registrando ribassi per la quarta settimana consecutiva. All’inizio della nuova settimana, i prezzi del petrolio hanno trovato un equilibrio precario tra i timori per l’offerta di petrolio e le rinnovate preoccupazioni economiche per i due maggiori consumatori di petrolio del mondo, gli Stati Uniti e la Cina.

Petrolio termina la scorsa settimana in calo

I future del petrolio Brent si sono attestati a $74.17, in calo dell’1,1% o di 81 cent, mentre i future del petrolio US West Texas Intermediate (WTI) sono scesi dell’1,2%, o di 83 cent, a $70.04/bbl, entrambi i riferimenti petroliferi hanno registrato un calo di circa l’1,5% rispetto al venerdì precedente. Sebbene abbiano ridotto alcuni dei cali di venerdì nella sessione di lunedì, i fondamentali deboli continuano a esercitare pressione sulla sostenibilità dei rialzi.

Crude Oil – Brent - WTI
Dopo che i prezzi del petrolio hanno toccato i minimi da 15 mesi a metà marzo , l’OPEC+ ha deciso all’inizio di aprile di ridurre la produzione di petrolio, fornendo una spinta ai prezzi. Tuttavia, con il passare del tempo, i prezzi del petrolio sono gradualmente tornati ai livelli di fine marzo-inizio aprile. Il principale fattore che ha contribuito a questa situazione è stata la decisione delle principali banche centrali di aumentare i tassi di interesse in risposta al persistente problema dell’inflazione. Ciò ha portato a un rallentamento economico globale, influenzando direttamente la domanda di petrolio.

Considerando l’outlook economico sfavorevole e le aspettative di riduzione della domanda, gli analisti concordano sul fatto che vi sia una probabilità che i prezzi del petrolio rimangano sotto pressione. Gli analisti sostengono anche che ciò potrebbe verificarsi indipendentemente dalle sorprese che il cartello potrebbe riservare.

Dollaro USA più forte esercita pressione

Il dollaro USA è riuscito a mantenere aumenti modesti contro l’euro venerdì, registrando il più grande rialzo settimanale da febbraio. Ciò è stato attribuito all’incertezza che circonda il tetto del debito e la politica monetaria degli Stati Uniti, che ha portato a uno spostamento verso attività più sicure. Il dollaro più forte esercita tipicamente una pressione in ribasso sui prezzi del petrolio, in quanto aumenta il costo della merce in dollari per i possessori di altre valute.

Timori di recessione iniziano a crescere

Anche gli analisti economici hanno cominciato a lanciare l’allarme, prevedendo un imminente trend ribassista che potrebbe portare a una recessione negli Stati Uniti nella seconda metà del 2023. In una dichiarazione rilasciata venerdì, il governatore della Fed Michelle Bowman ha affermato che se l’inflazione rimarrà elevata, la banca centrale degli Stati Uniti dovrà probabilmente aumentare ulteriormente i tassi di interesse.

Dati sulla crescita della Cina deludono

Ad aprile, l’indice dei prezzi di consumo (IPC) su base annua della Cina è cresciuto solo dello 0,1%, il tasso più lento dall’inizio del 2021. Secondo un sondaggio degli economisti, i prezzi di consumo dovrebbero aumentare dello 0,4% su base annua e rimanere invariati rispetto al mese precedente.

Sostegno dalle previsioni sul deficit dell’offerta

Nonostante questi fattori, il mercato ha ricevuto un certo sostegno dal deficit di offerta previsto per la seconda metà dell’anno. Durante le sessioni di lunedì, i future del petrolio Brent sono aumentati dell’1.71%, o di $1.20, a $75.44/bbl alle 10:43 AM EDT, mentre il petrolio WTI statunitense ha raggiunto i $71.24/bbl, in rialzo dell’1,71%, o di $1.20.
Prova Gratuita
Login