Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Europa, aumenti PET passano su luglio nonostante materie prime in calo

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 07/07/2017 (16:22)
In Europa, i prezzi del PET stanno seguendo un trend al rialzo con il supporto della buona domanda e dell’offerta limitata. Questo nonostante il fatto che i contratti del PX e del MEX siano stati chiusi in calo in Europa.

Il contratto del MEG è stato siglato con diminuzioni di €6/ton rispetto a giugno a €853/ton FD NWE mentre il contratto del PX è stato siglato a €715/ton con gli stessi termini, in calo di €40-50/ton rispetto a giugno.

Aumenti di €10-20/ton sono riflessi sulle trattative mentre qualche produttore è già sold out per le allocazioni di luglio a causa della buona domanda e offerta limitata. Una fonte di un produttore del Nord Europa ha commentato, “Abbiamo iniziato a dare le quotazioni per agosto con nuovi aumenti di €20/ton.”

Da parte dei buyer, ci sono alcuni trasformatori che non sono disposti a pagare aumenti tra i costi delle materie prime in ribasso e stanno cercando di spingere per rollover.

Un buyer, che ha ricevuto delle offerte per luglio con diminuzioni di €25/ton, è stato sorpreso per gli aumenti. Ha detto, “La decisione da parte dei produttori deriva dall’offerta limitata e dal miglioramento della domanda. Abbiamo intenzione di aspettare per avere un’idea più chiara prima di acquistare”.

Un produttore di preforme in Belgio ha detto, “Abbiamo ricevuto delle offerte dal mercato locale con aumenti di €10-20/ton; tuttavia, preferiamo cercare dal mercato di importazione poiché i prezzi sono più competitivi. Non pensiamo che i venditori possano trovare supporto poiché gli aumenti non sono supportati dal mercato delle materie prime. Siamo positivi per l’outlook di agosto poiché i buyer diminuiranno le loro scorte in vista delle vacanze”.
Prova Gratuita
Login