Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Europa, aumenti su trattative PE superiori a quello dell’etilene

  • 19/04/2016 (11:18)
Il mercato del PE dell’Europa ha continuato a seguire un trend rialzista questa settimana. Le trattative del PE di aprile si stanno chiudendo aumenti superiori a quello di €60/ton del contratto dell’etilene, a causa delle limitazioni dell’offerta dovute ai diversi fermi impianto nella regione.

Un distributore in Italia ha chiuso delle trattative spot per il PE con aumenti tra €90/ton e €110/ton su marzo. Il venditore ha affermato che la disponibilità di HDPE blow moulding del suo fornitore del nord Europa è piuttosto limitata, a causa di un fermo impianto per manutenzione, mentre ha commentato che la domanda non è stata vivace questo mese.

Un produttore di packaging ha riportato di aver acquistato dei carichi di materiale nazionalizzato dal Medio Oriente a livelli competitivi all’inizio di aprile, ma ha aggiunto che questi prezzi non sono più disponibili nella seconda parte del mese. Il produttore ha commentato “Abbiamo attese diverse per maggio. La maggior parte dei player parla di ulteriori aumenti, mentre altri credono che sia possibile una stabilizzazione”. Un altro trasformatore in Italia ha riportato di aver recentemente acquistato LDPE film non europeo a livelli più alti rispetto ai livelli delle trattative chiuse per le origini europee all’inizio di aprile.

Diversi distributori in Germania hanno riportato aumenti di prezzo da €70/ton ad oltre €100/ton sulle trattative per il PE di aprile nel mercato spot, commentando che l’offerta resta corta.

Alcuni impianti di PE dovrebbero essere riavviati, mentre la disponibilità nel mercato è limitata. L’impianto di LDPE di LyondellBasell da 320,000 ton/anno ad Aubette, Francia dovrebbe riprendere le operazioni in questi giorni, dopo una manutenzione di oltre 40 giorni. L’impianto di HDPE di Unipetrol (Repubblica Ceca) a Litvinov era stato fermato per manutenzione a metà marzo. L’impianto da 320,000 ton/anno verrà riavviato alla fine di aprile. Fonti di mercato hanno riportato che Total ha revocato la forza maggiore sull’offerta di HDPE dal sito di Feluy, Belgio. La società aveva dichiarato forza maggiore il 6 aprile a causa di uno sciopero dei camionisti nella regione.

Tuttavia, diversi player in Europa sostengono che i livelli di offerta potrebbero non migliorare a maggio, considerato il numero dei fermi impianti attuali. Fonti di mercato hanno riportato che la forza maggiore di Versalis sull’LDPE dall’Italia resta in vigore.

Ineos dovrebbe fermare l’impianto in Belgio per manutenzione tra aprile e maggio, ma alcuni player credono che la società fermerà l’impianto il prossimo mese. Ineos ha un impianto di HDPE da 440,000 ton/anno a Lillo.
Prova Gratuita