Skip to content

Opzioni Filtro
Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
 

Europa, crescono preoccupazioni per problemi di trasporto e logistici

  • 25/09/2017 (11:33)
Alla fine di agosto nel sud della Germania è stata chiusa una linea ferroviaria a causa di alcuni lavori nei pressi di Karlsruhe, causando interruzioni alle consegne, dichiarazioni di forza maggiore verso Italia e Svizzera e un aumento dei costi dei trasporti per il settore. Questa situazione è stata seguita da una serie di scioperi nazionali in Francia che hanno interessato anche il trasporto su binario, facendo crescere quindi le preoccupazioni per l’offerta già in atto.

Nella prima parte di agosto si è verificato uno smottamento nella galleria Rastatt, causando l’incurvamento dei binari posti sopra la galleria. Poiché la linea ferroviaria Karlsruhe-Basel fa parte di un importante corridoio tra nord e sud che connette i porti di Rotterdam, Amburgo e Anversa a Svizzera e Italia, il trasporto delle merci è stato dirottato sul trasporto su strada o sulla navigazione interna.

I maggiori siti chimici di BASF, Evonik, Covestro, Lanxess e Ineos sono connessi a questa linea ferroviaria. La Deutsche Bahn e il consorzio della galleria Rastatt hanno annunciato che la linea resterà fuori servizio fino al 7 ottobre.

L’impatto dell’incidente è stato più visibile soprattutto per i mercati di PS, ABS e PE nel sud Europa, facendo crescere le preoccupazioni per quanto riguarda la consegna dei materiali e alcuni fornitori hanno aumentato i loro prezzi, a causa delle interruzioni.

Ineos Styrolution ha dichiarato forza maggiore sulle consegne di ABS, PS in Svizzera e Italia il 15 settembre, a causa di questa ragione.

Un agente del produttore ha osservato "Le interruzioni dei trasporti dalla Germania verso l’Italia hanno fatto sì che il nostro fornitore dichiarasse forza maggiore sulle consegne. Ha poi portato a dei ritardi nel sud Europa a causa del fatto che i player tedeschi stanno usando il trasporto su tir come alternativa. Speriamo che il trasporto sia più fluido da inizio ottobre".

Un altro fattore che ha pesato ulteriormente sulle consegne è lo sciopero generale che ha interessato la Francia, a causa del cambiamento della legge sul lavoro. Aggiungendosi all’interruzione della linea ferroviaria, la situazione ha obbligato Total a estendere la forza maggiore sullo stirene dall’unità di Gonfreville, anche se questa notizia non è stata direttamente confermata dalla società. Total aveva dichiarato forza maggiore sull’offerta di stirene a fine agosto a causa di un problema tecnico, prima di riprendere la produzione a metà sette. Un trader di PS ha riportato "Lo sciopero dei trasporti in Francia, durato tre gironi, ha causato un ritardo con le consegne. I problemi di logistica potrebbero controbilanciare le attese ribassiste di ottobre, derivate dai costi in calo dello stirene durante settembre".

Il 20 settembre anche Synbra ha dichiarato forza maggiore sulle consegne di EPS in Italia e Svizzera, a causa dei problemi di trasporto in Europa. I buyer nella regione hanno confermato le difficoltà nell’assicurarsi il materiale per settembre a causa della cancellazione delle consegne.

Un trasformatore nel settore degli isolanti in Italia ha affermato "L’offerta di EPS è limitata perché alcuni fornitori del nord Europa hanno già chiuso gli ordinativi per ottobre. La sospensione della linea ferroviaria ha contribuito a limitare le spedizioni di EPS dalla Germania, e questo potrebbe limitare l’impatto dei prezzi dello stirene in calo per questo prodotto".

Un buyer di PE in Svizzera ha riportato "I carichi di importazione sono stati limitati finora questo mese. Stiamo avendo dei problemi con le consegne dalla Germania, vista l’interruzione della linea ferroviaria e la mancanza di tir".

Dall’altra parte ci sono alcuni player che sostengono che queste interruzioni con le consegne derivino dai problemi di trasporto e logistici contemporaneamente e che avranno un impatto minimo sui prezzi di ottobre".
Prova Gratuita