Skip to content

Opzioni Filtro
Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
 

Europa: produttori PE cercano aumenti, prezzi stabili dai distributori

  • 14/06/2016 (11:36)
In Europa, i produttori di PE continuano a chiedere aumenti, citando il rialzo del contratto dell’etilene di giugno. Tuttavia, i distributori nei mercati spot della regione hanno scelto di mantenere i prezzi del PE per lo più stabili a causa della domanda debole.

Un produttore del nord Europa ha annunciato aumenti di €25/ton sui prezzi del PE di giugno, sia nel mercato dei GA che in quello spot la scorsa settimana. Questa settimana, un altro produttore del nord Europa ha continuato ad offrire i GA per il PE di giugno con aumenti di €25/ton, in linea con il contratto dell’etilene.

Sebbene i produttori continuino a cercare aumenti, i distributori non hanno seguito questo trend. Un distributore in Svizzera ha tagliato i prezzi del PE del nord Europa di €20/ton rispetto ai livelli iniziali di giugno, citando la domanda debole. Un altro distributore in Germania ha chiuso delle trattative per giugno da rollover a in calo su maggio, tranne che per l’HDPE film. Il distributore ha commentato “Il nostro fornitore ha deciso di non applicare aumenti sulla maggior parte dei prezzi dei prodotti del PE, per essere pari ai livelli complessivi di mercato. Abbiamo venduto solo volumi ridotti di materiale finora questo mese, in quanto la domanda è in generale calma”.

Un buyer in Svizzera ha riportato di aver ricevuto offerte per i GA del PE di giugno a rollover dai produttori europei. Diversi buyer in Italia hanno ricevuto offerte per il PE di giugno da stabili a in rialzo di €20/ton la scorsa settimana, con un produttore di packaging che ha espresso attese ribassiste per il breve termine, avendo sentito voci di alcune diminuzioni. Diversi buyer hanno ottenuto degli sconti o fatto una controfferta in calo nel mercato spot questa settimana.

Per quanto riguarda le materie prime, i prezzi spot dell’etilene in Europa sono aumentati nell’ultima settimana, supportati dai fermi impianto in Francia e in Germania.
Prova Gratuita