Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Europa, rallentano attese di forti aumenti su PS, PVC, PP. PE debole

  • 27/02/2018 (12:01)
Dopo che le trattative di febbraio sono state chiuse per lo più in rialzo in Europa, i player hanno iniziato a esprimere le attese per marzo. L’outlook rialzista sembra aver perso in parte slancio, soprattutto a causa dei costi in calo e della domanda debole.

Nel mercato del PS, le attese di marzo indicano da rollover ad aumenti fino a €50/ton sia per lo stirene che per i prezzi di PS, nonostante i fermi impianto dello stirene a livello globale, dopo che sulle trattative di PS di febbraio si sono riflessi aumenti a tre cifre.

La domanda di febbraio non è stata molto forte, poiché l’entità degli aumenti di febbraio ha spinto alcuni buyer a non acquistare. Inoltre i buyer di PS si erano assicurati i carichi necessari a gennaio per evitare di pagare forti aumenti a febbraio. I livelli di scorte elevati da parte dei buyer permetteranno loro di restare inattivi il mese prossimo.

Confermando che le attese di forti aumenti per marzo hanno perso forza durante il mese, un distributore di PS ha affermato "Abbiamo sentito di attese di rollover o aumenti di €30-40/ton per marzo". Un buyer ha aggiunto "Non abbiamo acquistato a febbraio perché siamo in attesa di un calo dei prezzi ad aprile. Per marzo speriamo che i prezzi in calo del petrolio e il dollaro USA in calo possano tenere sotto controllo gli aumenti attesi sul PS".

Il mercato del PVC, intanto, è rimasto bilanciato in termini di domanda-offerta. Il business di febbraio è stato concluso con leggeri aumenti di €10-15/ton dopo che i venditori hanno cercato aumenti fino a €40/ton. Nonostante un possibile risultato dell’etilene stabile o in calo, i venditori stanno pensando di applicare nuovi leggeri aumenti a marzo, a causa della loro necessità di recuperare i margini.

Un buyer dei Paesi Bassi ha affermato "Abbiamo acquistato delle scorte extra perché crediamo che i venditori di PVC cercheranno aumenti di €5-10/ton per marzo, sfidando il risultato del contratto dell’etilene". Un produttore dell’est Europa ha affermato "La domanda in crescita potrebbe incoraggiare i venditori di PVC a cercare nuovi aumenti per marzo per l’offerta regolare. Tuttavia i prezzi di PVC potrebbero restare stabili se il contratto dell’etilene resterà a rollover".

Nel mercato del PP i problemi di produzione hanno aperto la strada ad aumenti più forti sulle trattative mensili in Europa. Lo stesso fattore potrebbe portare a un outlook rialzista sui prezzi di PP di marzo rispetto ad altri polimeri. Tuttavia i costi in calo delle materie prime potrebbero mettere un freno agli aumenti attesi legati ai problemi di produzione in Europa, secondo quanto sostenuto dai player.

Per quanto riguarda il PE, i prezzi dovrebbero seguire un trend da st abile a in calo a causa della domanda debole e della mancanza di problemi di offerta. Dopo aver chiuso le trattative di febbraio a rollover o in aumento di €20/ton, i buyer hanno deciso di assumere un atteggiamento di attesa a causa delle aspettative ribassiste per marzo.

Un rivenditore in Italia ha riportato che la domanda è lenta, mentre la domanda di LLDPE c4 film è ancora più debole. Ha poi aggiunto "Se la domanda non mostra un miglioramento, i prezzi di PE saranno chiusi a rollover. Le nostre attese indicano una stabilizzazione a marzo perché crediamo che i prezzi non possano scendere oltre i livelli attuali".

Un distributore nei Paesi Bassi ha commentato "Per marzo ci aspettiamo da rollover a diminuzioni di €10-20/ton sui prezzi di PE perché il mercato potrebbe non supportare ulteriori aumenti, soprattutto se l’etilene sarà chiuso a rollover. Potrebbe anche vedere un calo".

Tuttavia ci sono alcuni player che sostengono che i fornitori potrebbero cercare inizialmente dei leggeri aumenti, nonostante la domanda debole, perché i prezzi della nafta hanno visto un rimbalzo in linea con l’aumento dei future del petrolio.
Prova Gratuita