Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Festività alle porte, aumento casi COVID creano pressione sul PS in Asia

di Abdul Hadhi - ahadhi@chemorbis.com
  • 19/01/2021 (11:51)
I prezzi del PS di importazione in Asia sono in calo da fine novembre dello scorso anno. Il calo era inizialmente dovuto alla calma dei mercati per le festività di fine anno, ma la pressione è rimasta in atto a inizio 2021, con l’aumento dei casi COVID-19 e il rallentamento delle attività per il Capodanno cinese.

La media settimanale dei prezzi del GPPS iniezione in Cina è diminuita la scorsa settimana a $1270/ton da $1280/ton mentre i prezzi di HIPS iniezione sono scesi a $1550/ton in media rispetto ai precedenti $1555/ton, entrambi su base CIF. Nel Sudest Asiatico, i prezzi del GPPS iniezione sono diminuiti la scorsa settimana a $1315/ton da $1330/ton mentre i prezzi di HIPS iniez. sono scesi a $1620/ton da $1630/ton CIF, nello stesso periodo di tempo, sulla base dei dati del Price Index di ChemOrbis.

Da fine November alla settimana terminata il 15 gennaio, i prezzi del GPPS iniezione sono scesi del 16% in Cina e Sudest Asiatico mentre i prezzi di HIPS iniezione sono scesi dell’8% in Cina e del 5% nel Sudest Asiatico.

Domanda colpita da aumento casi COVID, Capodanno cinese

I player di mercato hanno attribuito il continuo trend ribassista al recente incremento di casi di COVID-19 e alla ridotta attività di business alle porte del Capodanno cinese.

Una fonte di un produttore di Taiwan ha spiegato “L’incremento di casi di COVID potrebbe colpire i rifornimenti e i player cinesi si stanno anche preparando alle festività per il Capodanno cinese. La domanda inizierà presto a diminuire”.

Il Capodanno cinese inizia ufficialmente l’11 febbraio e dura una settimana, ma i lavoratori inizieranno a lasciare il posto di lavoro prima per raggiungere le loro città di origine a causa delle lunghe distanze. I lavoratori potrebbero anche rientrare al lavoro più tardi. Di solito, l’attività di business è pressoché ferma in questo periodo.

Questa festività sarà celebrata in buona parte del Sudest Asiatico, che ha una popolazione cinese significativa e forti legami commerciali con la Cina.

In vista delle festività, l’aumento dei casi di COVID-19 e i nuovi lockdown hanno fatto crescere la preoccupazione per un rallentamento del recupero dell’economia.

La Cina, dove le misure di lockdown sono state revocate ad aprile 2020, ha ampiamente portato la pandemia sotto controllo. Tuttavia, nella provincia di Hebei, a sud di Pechino, sono stati riportati centinaia di casi a gennaio. Le misure di lockdown sono state reintrodotto e la capitale della provincia Shijiazhuang assieme alla vicina Nangong dovrebbero restare in lockdown fino al 19 gennaio.

Anche il Sudest Asiatico ha visto un aumento simile di casi, con Malesia e Indonesia che hanno reimposto le restrizioni. Un trader della Malesia ha affermato che un produttore del Sudest Asiatico non ha fatto offerte e ha aggiunto “Il mercato è molto calmo perché le persone non vogliono acquistare, soprattutto ora che la Malesia è in lockdown. Molti buyer hanno fatto un passo indietro e sono in attesa”.

Un trasformatore ha affermato che la domanda di derivati è diminuita a causa della mancanza di navi per l’export di prodotti finiti, il che ha portato molti di loro a ridurre la produzione.

L’offerta in crescita si aggiunge alla pressione sui prezzi. L’unità HDC di Hyundai da 160,000 ton/anno e l’unità SECCO di Shanghai da 300,000 ton/anno in Cina sono state riavviate a dicembre dopo le manutenzioni.

Supporto dallo stirene

Il trend in calo nei mercati del PS in Asia potrebbe essere in parte mitigato dal supporto dello stirene, hanno aggiunto i player di mercato.

I prezzi dello stirene sono aumentati del 3% la scorsa settimana a $910/ton FOB Corea e a $930/ton CFR Cina. I prezzi della materia prima sono aumentati per la seconda settimana consecutiva a causa della disponibilità ridotta, dopo che un produttore cinese ha fermato in modo inatteso l’unità da 320,000 ton/anno.

Il mercato potrebbe ricevere supporto anche dalla programmazione dei prossimi fermi impianto per manutenzione. Secondo le Production News di ChemOrbis, l’unità della Vietnam Polystyrene da 50,000 ton/anno dovrebbe chiudere a fine gennaio, limitando potenzialmente l’offerta nella regione.

Prova Gratuita
Login