Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Forze maggiori creano scompiglio nel mercato del PVC in Turchia

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 04/09/2020 (12:05)
Il mercato del PVC in Turchia ha esteso gli aumenti al quarto mese successivo a causa dei mercati dei prodotti finiti forti e delle limitazioni dell’offerta. I player sono stati scossi da nuovi aumenti con l’inizio di settembre. L’offerta globale più corta ha portato a nuovi notevoli aumenti rispetto alle scorse settimane.

Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, i prezzi del K67 di importazione sono aumentati del 60-64% ($390-420/ton) da quando i prezzi sono aumentati nella seconda metà di maggio. Questo dopo due mesi e mezzo di trend ribassista a causa delle restrizioni legate al virus e al collasso dei prezzi del petrolio.


K67 supera i $1000 CFR per la prima volta in 6 anni

Le offerte di k67 europeo sono state riportate fino a $1070-1080/ton CIF Turchia, cash, esenti da dazio nonostante l’etilene di settembre stabile nella regione. Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, il k67 esente da dazio ha superato la soglia dei $1000/ton per la prima volta da novembre 2014.

Secondo diversi commenti, un produttore del nord Europa ha venduto quantità limitate di k67 a $970-980/ton alla fine della scorsa settimana, prima che i prezzi toccassero i $1010-1030/ton. Entro la fine della settimana, le idee di vendita hanno raggiunto i $1100/ton CIF per un peggioramento dei problemi di offerta dopo la notizia delle forze maggiori in Europa e negli USA.



Forza maggiore di INOVYN sotto i riflettori

La notizia della forza maggiore di INOVYN ha dato via libera agli aumenti e ha fatto crescere le richieste di prezzo tra i trasformatori. Il maggiore produttore di PVC in Europa è stato tra i principali esportatori in Turchia negli ultimi anni e ha cercato di usare le scorte dopo le grosse vendite di inizio estate.

“Anche i principali produttori di PVC dell’est Europa hanno avuto dei problemi alla produzione. Un fornitore non avrà allocazioni fino a metà ottobre”, ha riportato un trader a ChemOrbis.


Offerta USA ancora in calo dopo FM di Westlake

Westlake Polymers ha dichiarato forza maggiore su PVC e VCM a inizio settembre citando l’impatto dell’uragano Laura sulle operazioni dei vinilici. Anche prima, i volumi USA destinati all’export, incluso il Mediterraneo erano diminuiti a causa della forza maggiore di Formosa USA.

Il PVC k67 americano è aumentato di $130-140/ton in una settimana per essere riportato a $1060-1080/ton CIF Turchia, soggetto a dazi ove applicabili. I player hanno confermato “Non sono disponibili spedizioni perché la maggior parte della capacità sono offline dopo l’uragano, eccetto Shintech”.

PVC irregolare dalla Cina vede aumenti a tre cifre per scenario rialzista in Asia

La Turchia ha fornito un netback generoso ai venditori perché il mercato ha visto aumenti notevoli rispetto alla maggior parte degli altri consumatori di PVC in altre aree.

Il mercato turco ha attirato il k67 cinese a partire da fine agosto, quando i prezzi sono emersi a $940/ton CFR Turchia, dazio del 6.5%. Tuttavia, le offerte sono aumentate a $1060/ton questa settimana per la domanda forte in altri mercati come il Brasile, ha commentato un player.

Le attese rialziste per i prezzi di ottobre in Asia hanno contribuito allo scenario, ora che la stagione dei monsoni in India è terminata. Le offerte di PVC di importazione sono aumentate di $20-40/ton in India e Sudest Asiatico mentre i prezzi in Cina sono aumentati di $60/ton sulla settimana.

Aumenti di Petkim influiscono su prezzi locali

L’assenza di fornitori di importazione regolari e il crescente numero di richieste ha portato ad aumenti consecutivi da parte di Petkim. il produttore turco ha applicato tre aumenti consecutivi dal 24 agosto, portando il totale degli aumenti a $190/ton. Sulla stessa scia, il mercato della distribuzione ha visto nuovi massimi a $1380-1390/ton ex-warehouse, IVA inclusa per i massimi del k67.

La Turchia dipende dalle importazioni e ha importato oltre 370,000 ton di S-PVC tra gennaio e luglio 2020, secondo i dati delle Statistiche di importazione di ChemOrbis. Questo segna i volumi più grossi per lo stesso periodo dal 2017, con un totale di 63,000 ton solo a luglio.

Per seguire le importazioni di PVC per paese, clicca qui (Riservato agli abbonati)

Per seguire le importazioni di PVC della Turchia per prodotto, clicca qui (Riservato agli abbonati)

Un trader globale ha commentato “I grossi volumi di PVC assicurati tra fine maggio e giugno sono stati consegnati in diverse fasi per la riapertura delle economie e i tagli di produzione programmati o meno. Di conseguenza, i dati di luglio sono molto alti”.

Consumatori PVC: Prezzi sono gonfiati

La domanda buona e l’offerta ancora più corta manterranno i prezzi di PVC in rialzo in Turchia nel breve termine. Lo scenario rialzista in Asia e le offerte iniziali emerse con aumenti di €50-60/ton nel mercato locale europeo hanno contribuito a queste proiezioni.

Allo stesso tempo, molti player hanno definito i recenti aumenti non salubri e si interrogano sulla loro sostenibilità. “Dobbiamo soddisfare le nostre necessità, considerando gli ordini di prodotti finiti in crescita. Tuttavia, il mercato attualmente è gonfiato”, ha lamentato un trasformatore.
Prova Gratuita
Login