Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Future petrolio NYMEX sotto la soglia di $40/bbl

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 03/08/2016 (13:36)
I future del petrolio NYMEX sono scesi sotto la soglia di $40/bbl il 2 agosto, per la prima volta da inizio aprile, a causa delle preoccupazioni circa l’eccesso globale di petrolio. Il 2 agosto, il petrolio NYMEX di settembre è sceso di 55 centesimi per chiudere a $39.51/barile, mentre il petrolio ICE Brent di ottobre è sceso di 34 centesimi per chiudere a $41.80/barile.

I dati dell’Energy Information Administration (EIA) degli USA mostrano che la produzione di petrolio degli USA è salita di 1.7 milioni di barili al giorno nella settimana che finiva il 22 luglio, mentre le preoccupazioni circa il continuo aumento delle scorte di petrolio negli USA hanno esercitato un’ulteriore pressione ribassista sui mercati del petrolio.

Inoltre, il miglioramento delle attività di estrazione del petrolio degli USA, i piani della Libia di riavviare le esportazioni petrolifere e il probabile aumento della produzione dai paesi dell’OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) hanno rafforzato il trend ribassista nei mercati del petrolio. Secondo un sondaggio condotto da Reuters, l’offerta di petrolio dai paesi dell’OPEC è salita a 33.41 milioni di barili al giorno (bpd) a luglio, da 33.31 milioni di bpd a giugno.

Il sondaggio mostra che l’aumento più forte tra i paesi dell’OPEC è stato visto in Iraq. La produzione di petrolio del paese è infatti salita di 90,000 bpd, mentre anche quella della Nigeria è leggermente incrementata a luglio, nonostante gli attacchi agli impianti petroliferi. Intanto, la produzione di Iran e Arabia Saudita è rimasta per lo più stabile a luglio rispetto al mese precedente.
Prova Gratuita
Login