Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Goldman Sachs: atteso ulteriore calo prezzi del petrolio

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 18/12/2015 (10:18)
Secondo quanto riportato dai media, Goldman Sachs ha mantenuto le sue previsioni riguardanti i prezzi del petrolio stabili rispetto a quanto comunicato a settembre, affermando che i prezzi del greggio potrebbero scendere fino a $20/ton, citando l’eccesso di offerta nei mercati petroliferi derivante dalla decisione dei paesi dell’OPEC (Organizzazione paesi esportatori di petrolio) di non tagliare la produzione.

Goldman ha affermato che attualmente trivellazioni, le esplorazioni petrolifere e i livelli di produzione negli USA non indicano nessun segno di declino dell’offerta. Inoltre, l’intenzione dell’Iran di accrescere la produzione di petrolio dopo la revoca delle sanzioni e l’aggressività della produzione dell’OPEC stanno facendo aumentare il rischio di problemi di stoccaggio entro la prossima primavera. Tuttavia, gli analisti di Goldman Sachs credono che i tagli alla produzione potrebbero avere un impatto a lungo termine sui guadagni in misura superiore alle attuali difficoltà finanziarie derivanti dal calo dei costi del greggio.

In precedenza, nella giornata di giovedì l’Energy Information Administration (EIA) degli USA aveva riportato che le scorte di petrolio degli Stati Uniti sono salite di 4.8 milioni di barili la scorsa settimana, battendo le stime degli analisti secondo cui sarebbero diminuite. Dall’altra parte, il CEO dell’agenzia Fatih Birol ha affermato che i livelli di prezzo attuali porteranno ad una riduzione della produzione petrolifera dei paesi al di fuori del Medio Oriente.
Prova Gratuita