Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Indonesia e Giappone in attesa dei risultati su ADD per PET dalla Cina

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 07/08/2017 (16:21)
I player di PET in Asia sono in attesa dei risultati dell’audizione pubblica condotta dal Comitato anti-dumping dell’Indonesia (KADI) sull’applicazione dei dazi anti-dumping sulle importazioni di PET da Cina, Corea del Sud e Malesia, mentre i player del mercato stanno riportando in questi giorni che anche il Giappone si prepara ad applicare l’anti-dumping sul PET dalla Cina.

Un buyer cinese che opera nel mercato indonesiano ha osservato "L’audizione sull’applicazione dell’ADD è stata tenuta ieri e i produttori cinesi hanno depositato nuove documentazioni di supporto al KADI. Siamo ora in attesa di ulteriori informazioni".

Un buyer di Giacarta ha affermato "Il risultato dell’indagine ADD non è ancora chiaro e preferiamo mantenere gli acquisti in attesa per ora, in attesa di risultati più chiari".

Un trasformatore in Malesia ha commentato "Crediamo che il PET dalla Cina perderà una quota di mercato in Indonesia a causa dell’ADD. Pensiamo di aspettare prima di fare altri acquisti per avere un quadro più chiaro della situazione in Indonesia".

Intanto il Giappone si sta preparando ad applicare i dazi anti-dumping sull’import di PET cinese, secondo i player del mercato. A settembre 2016 il governo giapponese aveva iniziato l’indagine anti-dumping sull’import di PET dalla Cina.

Una fonte di un produttore indonesiano ha osservato "Il ministro della finanza del Giappone ha annunciato i risultati dell’indagine anti-dumping sul PET cinese oggi. Sulla base di questi risultati è emerso che le azioni di dumping dei produttori cinesi sono state riportate con un tasso del 40.41-53.85%. Tuttavia non è ancora emerso il tasso ufficiale di anti-dumping che sarà imposto. Siamo anche noi in attesa dell’annuncio di KADI".

Un buyer di Shanghai ha riportato che i piani di Indonesia e Giappone di applicare i dati antidumping sul materiale importato dalla Cina sono uno svantaggio per i produttori cinesi. Il buyer ha aggiunto "Abbiamo sentito del dazio anti-dumping sull’import di PET dalla Cina in Giappone. Se diventerà ufficiale, la Cina potrebbe vendere solo l’1% dei volumi attuali al Giappone. Pensiamo di vendere quindi a Tailandia, India, Taiwan, Corea del Sud e Medio Oriente".

Prova Gratuita
Login