Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Inizio stagione in ritardo frena attese rialziste sul PET in Europa

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 25/03/2019 (11:19)
In Europa, le transazioni di marzo sono state chiuse in leggero rialzo con il supporto dei costi delle materie prime. I player hanno condiviso le loro attese di vedere nuovi aumenti ad aprile, ma l’entità degli attesi aumenti è in discussione a causa dell’incremento della domanda ancora in sospeso.

Buyer limitano attività di pre-buying

I venditori hanno indicato gli acquisti precedenti dei buyer come causa delle vendite limitate e il ritardo dei preparativi per la stagione. I trasformatori hanno preferito limitare gli acquisti nel mercato locale, anche perché in attesa dei carichi di importazione acquistati in precedenza.

Alcuni buyer hanno saltato gli acquisti durante marzo grazie agli acquisti fatti in precedenza nel mercato dell’import, per materiale ordinato a gennaio”. Inoltre, la mancanza di problemi di disponibilità ha fatto sì che i buyer evitassero di acquistare oltre le loro necessità a marzo.

PET import oltre i €1100 DDP trova resistenza

Le offerte di PET asiatico hanno superato la soglia dei €1100/ton DDP di recente, ma hanno trovato una certa resistenza. I player hanno trovato questi livelli non attuabili, considerando che le offerte di importazione sono quasi alla pari con i minimi dei prezzi locali di PET.

La domanda scoraggiante da parte dei buyer europei è stata confermata dai fornitori cinesi, che hanno osservato “I buyer nelle destinazioni dell’export hanno insistito sulle controfferte in calo, citando le scorte sufficienti”.

Ci sarà l’aumento stagionale della domanda?

I player si aspettano di vedere l’aumento stagionale della domanda ad aprile, anche se la domanda di marzo è stata calma anche a causa dell’offerta buona. I buyer dovrebbero tornare sul mercato per rifornire le scorte quando l’alta stagione prenderà il via, a seconda delle temperature climatiche.

Un rivenditore ha commentato “I buyer di solito acquistano su necessità, tuttavia, potrebbe essere rischioso. Se le condizioni climatiche daranno una spinta ai preparativi per la stagione e i clienti inizieranno a cercare il materiale, i prezzi potrebbero aumentare all’improvviso”.

“Lo stato della domanda sarà determinato più dalle condizioni climatiche che dai livelli di offerta”, ha osservato un buyer.

Tuttavia, i player stanno discutendo se i giorni lavorativi limitati durante aprile a causa delle diverse festività avranno un impatto sulla domanda stagionale.

Aumenti modesti possibili per aprile

Dopo che le trattative sono state chiuse con aumenti di €10-20/ton a marzo, i player hanno già anticipato un nuovo giro di aumenti per arile, anche se di entità limitata. Le attese sono concentrate su incrementi modesti a causa della mancanza di preoccupazioni sull’offerta e dell’inizio in sospeso dei preparativi per la stagione.

Un produttore di packaging ha osservato “Non è ancora alta stagione per le nostre applicazioni. Ci aspettiamo leggeri aumenti di €10-20/ton ad aprile”.

“Aprile potrebbe essere un mese simile a marzo, a meno che la domanda stagionale non mostri un incremento”, hanno osservato alcuni player.
Prova Gratuita