Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Italia, attese ribassiste per gennaio ostacolano pre-buying di PVC

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 17/12/2014 (18:06)
In Italia le trattative del PVC di dicembre sono in chiusura con diminuzioni mensili di €20-30/ton in vista delle festività natalizie. I prezzi spot del PVC sono a €745-790/ton per k67 e a €750-810/ton per i gradi speciali FD, 60/90 gg. Alcuni player ritengono che il contratto dell’etilene potrebbe chiudere con diminuzioni dai €50/ton ai €100/ton per gennaio, vista la pressione ribassista dai costi delle materie prime.

Un distributore ha venduto PVC dall’est Europa in calo di €25-30/ton sul mese scorso. "La domanda non è stata negativa questo mese, ma i buyer non hanno fatto pre-buying perché si aspettano nuovi ribassi a gennaio. Crediamo che i prezzi di PVC possano diminuire di €20-30/ton il mese prossimo", ha commentato il venditore.

Un altro distributore ha chiuso delle trattative di dicembre in calo di €25/ton per PVC dal nord Europa. Il distributore ha detto "La domanda potrebbe migliorare a gennaio, poiché i buyer hanno evitato di fare scorte a causa delle attese di ribasso. Crediamo che il contratto dell’etilene possa chiudere in calo di almeno €50/ton su dicembre, considerando i prezzi in calo di petrolio e nafta".

La maggior parte dei buyer ha coperto le proprie richieste mensili, ma ha evitato di assicurarsi ampi volumi, credendo che i prezzi di PVC possano diminuire ancora, considerati i mercati del petrolio in calo. Un trasformatore ha aggiunto "Stiamo chiudendo dicembre con scorte basse perché pensiamo di acquistare più volumi a gennaio, quando i prezzi di PVC dovrebbero perdere ancora terreno".

Un compoundatore ha commentato "Abbiamo limitato gli acquisti perché ci aspettiamo nuovi ribassi il mese prossimo. I mercati delle materie prime potrebbero restare in calo fino a marzo". Un altro buyer ha aggiunto "L’outlook è debole per gennaio, anche se i nostri clienti sono rimasti in attesa questo mese, perché si aspettano ulteriori ribassi per via dei prezzi del petrolio in calo".
Prova Gratuita