Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Italia, prime attese di maggio per il mercato del PVC

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 21/04/2015 (17:53)
In Italia si stanno concludendo ancora le trattative del PVC di aprile questa settimana, mentre stanno emergendo le prime attese per il prossimo mese. Considerata l’offerta corta e i costi in rialzo delle materie prime, i player si aspettano un ulteriore aumento sui prezzi del PVC.

I prezzi del PVC spot sono quotati a €830-920/ton per il k67 e a €800-950/ton per i gradi speciali FD, 60 gg. I carichi dell’est Europa continuano a formare i massimi dei range del PVC per i gradi speciali, portando quindi a uno scarso interesse all’acquisto per queste origini.

Un produttore del nord Europa ha chiuso i contratti del PVC di aprile con aumenti di €75-80/ton sullo scorso mese. Una fonte del produttore ha riportato "L’offerta è corta questo mese, mentre la domanda è buona. Abbiamo rifornito solo i nostri clienti regolari. Per maggio ci aspettiamo un nuovo giro di aumenti, considerati i prezzi in aumento dell’etilene spot".

Un altro produttore del nord Europa ha chiuso delle trattative spot per il PVC in rialzo di €100/ton sullo scorso mese, indicando i costi in aumento delle materie prime come ragione principale dei forti aumenti. Una fonte di un produttore si aspetta un trend simile per maggio, considerando che l’offerta di etilene sembra dover rimanere corta.

Un agente di un fornitore dell’est Europa ha chiuso delle trattative per il PVC di aprile con aumenti fino a €160/ton, commentando "L’offerta è piuttosto corta e abbiamo esaurito le nostre allocazioni nella prima metà del mese. Per maggio il nostro fornitore potrebbe mantenere un atteggiamento rialzista, visto che la disponibilità limitata dovrebbe restare in atto. Tuttavia crediamo che i prezzi di PVC registreranno aumenti minori rispetto a questo mese". Un distributore ha venduto PVC dall’est Europa in rialzo di €120-150/ton sullo scorso mese, dopo aver rivisto le richieste iniziali di aumento di €170/ton. Per maggio il venditore si aspetta nuovi aumenti, ma di minore entità.

Un compoundatore ha commentato "Abbiamo pagato aumenti di €50/ton sulle trattative di inizio aprile, ma il nostro fornitore del nord Europa sta puntando ora ad aumenti leggermente superiori, di €70/ton, mentre non ha più materiale per questo mese". Un altro compoundatore ha fatto degli acquisti con aumenti di €80-90/ton per aprile dai suoi fornitori del nord Europa. Il buyer si aspetta ulteriori incrementi per maggio, prima di una possibile diminuzione nel periodo di giugno-luglio.

Prova Gratuita
Login