Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Libano: domanda debole nonostante PP, PE in calo per gennaio

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 19/01/2016 (15:28)
In Libano, i player hanno riportato di aver ricevuto prezzi in calo per il PP e il PE di gennaio, in linea con le attese, ma hanno aggiunto che l’interesse all’acquisto resta debole.

Un produttore dell’Arabia Saudita ha tagliato i prezzi del PP di gennaio di $40-90/ton e quelli del PE di $70-80/ton. Intanto, le offerte per il PP di un produttore degli Emirati Arabi Uniti sono scese di $40-100/ton su dicembre, mentre i prezzi del PE indicano riduzioni di $50-70/ton. Anche un altro produttore regionale ha deciso di abbassare i prezzi del PE in Libano di $60-90/ton su base mensile.

I prezzi del PP e del PE di gennaio dal Medio Oriente in Libano si attestano a $1080-1170/ton per l’LDPE film, a $1150-1160/ton per l’LLDPE film, a $1070-1160/ton per l’HDPE film, a $1170/ton per l’HDPE blow moulding e a $1200/ton per l’HDPE iniezione su base CIF Beirut, Libano, 90 giorni. Per quanto riguarda il PP, i prezzi complessivi sono riportati a $980-990/ton per il PP rafia e iniezione, a $1020/ton per il PP fibra e il film, a $1000-1040/ton per il PP copo iniezione e a $1070-1140/ton per il PP copo random iniezione con gli stessi termini.

Un trasformatore in Libano ha commentato “I prezzi dal Medio Oriente indicano diminuzioni, mentre i livelli di offerta complessivi sono ampi. Dall’altra parte, la domanda resta molto debole, sebbene i player del mercato abbiano iniziato a chiedersi se i prezzi hanno toccato il fondo oppure no. Tuttavia, non ci aspettiamo una ripresa veloce, almeno fino a dopo marzo, quando finirà l’inverno. La maggior parte dei trasformatori ha già dimezzato i tassi di utilizzo degli impianti, citando la domanda debole per i prodotti finiti”.

Intanto, un altro trasformatore ha sottolineato che non ha intenzione di fare nuovi acquisti, nonostante le diminuzioni emerse per gennaio, aggiungendo “Ci aspettiamo di vedere nuove revisioni in calo sui livelli di gennaio, e non abbiamo quindi in programma di fare nuovi acquisti per ora. In generale, il sentimento del mercato è debole e l’attività è ridotta da quando sono iniziate le festività di fine anno”.
Prova Gratuita
Login