Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Major Taiwan riduce i prezzi PVC di ottobre e sorprende i mercati asiatici

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
  • 14/09/2022 (11:04)
Gli operatori del mercato asiatico sono stati colti di sorpresa dalla forte diminuzione di $60-100/ton di un importante produttore taiwanese per le offerte di importazione di PVC a India e Cina.

I nuovi tagli dei prezzi sono arrivati tra i segnali di ripresa della domanda in India, il più grande mercato di importazione di PVC al mondo. I trader attribuiscono la decisione a tariffe di trasporto in calo e alle scorte che si sono accumulate negli stabilimenti della major taiwanese.

Il principale produttore taiwanese ha annunciato tagli di $30-100/ton sulle sue offerte di ottobre ai mercati asiatici, nel suo sesto mese consecutivo di riduzioni dei prezzi. Le offerte del produttore di PVC K67-68 per ottobre sono in calo di $100/ton a $910/ton CIF India, $60/ton in meno a $840/ton CIF Cina, mentre le offerte FOB Taiwan sono $30/ton in meno a $790/ton, con uno sconto ulteriore di $10/ton per gli acquisti di grosso volume.


Segnali di ripresa della domanda nei mercati indiani

Un giorno dopo che la major taiwanese ha notificato le sue offerte di ottobre, le spedizioni di un produttore sudcoreano sono state offerte a $920/ton CIF India.

I trader stavano discutendo se le offerte della major taiwanese avrebbero continuato a rappresentare la fascia alta nel mercato indiano. "Normalmente, le sue offerte sarebbero immediatamente considerate come la fascia alta del mercato, ma questa volta è discutibile in quanto potremmo presto trovare offerte superiori a quella", ha detto un trader con sede nella capitale economica indiana di Mumbai.

"Ci aspettavamo una diminuzione fino a $60/ton per le allocazioni di importazione di ottobre in India", ha affermato. "I tagli di $100/ton sui prezzi di ottobre in India sono stati un’enorme sorpresa, poiché stiamo già vedendo alcuni segnali convincenti di ripresa della domanda nel mercato indiano", ha aggiunto.

Tariffe di nolo in forte calo potrebbero essere la causa dei cali di prezzo della major taiwanese

Nel frattempo, il crollo delle tariffe di nolo, che ha preso slancio negli ultimi due mesi, potrebbe aver giocato un ruolo significativo nei tagli dei prezzi della major taiwanese.

"Le tariffe di trasporto sono diminuite a un ritmo più veloce a causa del calo dei volumi del commercio estero della Cina. Gli analisti delle spedizioni si aspettano che i volumi continuino a diminuire, ostacolando gli aumenti dei prezzi all’importazione", ha detto il commerciante.

Tuttavia, gli operatori ritengono anche che la major taiwanese possa cercare di riacquisire dei clienti in quanto sapeva che il mercato non era troppo lontano dal minimo.

Arrivi materiale import in India continuano a diminuire

Allo stesso tempo, c’era la sensazione che la disponibilità si stesse restringendo nel mercato indiano poiché le allocazioni e gli acquisti mensili delle importazioni hanno continuato a diminuire. "Gli arrivi di importazione di agosto sono stati pari a circa 110.000 tonnellate, significativamente inferiori al normale, e gli arrivi di settembre dovrebbero arrivare a circa 90.000 tonnellate, a seguito di un drastico calo degli arrivi di PVC cinese", ha detto un rivenditore nazionale con sede nella città indiana meridionale di Chennai.

D’altra parte, una fonte di un produttore giapponese ha ritenuto che i forti tagli ai prezzi delle importazioni in India e Cina non mettano attualmente alcuna pressione ai produttori regionali. "La pressione del produttore taiwanese proviene dalle sue stesse scorte. Riteniamo che i tagli dei prezzi di ottobre non siano per competere con le offerte cinesi o statunitensi più basse, ma per ridurre le proprie scorte", ha aggiunto.

Nel frattempo, gli operatori hanno continuato a tenersi lontani dalle offerte cinesi a causa dei dazi di salvaguardia presi in considerazione dal governo indiano sulle spedizioni cinesi di PVC. "Gli accordi conclusi per le spedizioni cinesi in India sono limitati. I dazi di salvaguardia proposti sulle importazioni cinesi hanno costretto gli acquirenti indiani a tenersi alla larga", ha detto un produttore in Cina.

I giapponesi non possono competere con le offerte taiwanesi all’India

"Non possiamo competere con le ultime offerte taiwanesi all’India. Le nostre offerte teoriche sono a $1000-1010/ton CIF India", ha aggiunto.

Poiché le importazioni giapponesi non sono soggette a dazio doganale del 7,5% applicabile ad altri fornitori del nord-est asiatico, ciò equivarrebbe a $930-940/ton per le spedizioni con dazio.

Prezzi locali indiani in calo

Poco dopo i tagli dei prezzi della major taiwanese, un importante produttore indiano ha notificato ai suoi acquirenti un forte taglio di INR4000/ton ($50/ton) sui suoi prezzi locali.

Il prezzo corrente è indicato a INR91.000/ton. I commercianti hanno detto che si aspettavano che il produttore seguisse con le proprie riduzioni di prezzo, seguendo la major taiwanese, ma l’ultimo taglio è stato più profondo del previsto.

Il mercato PVC indiano riporta perdite maggiori rispetto a Cina, SEA
PVC – Import – Asia


Il grafico di ChemOrbis PriceWizard mostra che i prezzi import indiani, del sud-est asiatico e cinesi hanno continuato a scendere da aprile poiché l’economia colpita dal COVID in Cina e in altri mercati regionali ha mantenuto i mercati deboli. Anche il deprezzamento della valuta nelle economie asiatiche ha pesato considerevolmente sulla domanda

I prezzi delle importazioni indiane sono diminuiti di circa il 44%, mentre i prezzi cinesi e del sud-est asiatico hanno visto un calo del 31-35% da aprile. "Dopo quasi sei mesi di calo dei prezzi del PVC, è giunto il momento di un plateau del grafico, se non di un rimbalzo", ha aggiunto un trader cinese.

La dimensione dei cali ha colto di sorpresa anche gli operatori cinesi

Anche gli operatori in Cina sono rimasti sorpresi dagli ultimi prezzi all’importazione della major taiwanese. I prezzi delle importazioni e del PVC locale hanno seguito una tendenza da stabile a leggero rialzo la scorsa settimana con il supporto dei guadagni nei prezzi dei future del Dalian trainati dal petrolio. Tuttavia, le condizioni della domanda sono rimaste deboli a causa dei nuovi blocchi covid-19 e di un’ondata di calore.

"Ci aspettavamo certamente che il produttore tagliasse i prezzi per le importazioni, ma non di $60/ton", ha detto una fonte del produttore in Cina.

Una fonte del produttore giapponese ha detto che pareggerà il prezzo di importazione della major taiwanese a $840/ton CFR Cina. E quoterà un prezzo per le spedizioni del sud-est asiatico a un CIF nozionale di $850-870/ton.

"A breve inizieremo a discutere con i nostri acquirenti sui prezzi", ha aggiunto.

Prezzi FOB Cina paragonabili alle offerte FOB della major taiwanese

Nel frattempo, gli attuali prezzi FOB Cina sono leggermente più alti rispetto all’ultimo prezzo FOB Taiwan della major taiwanese a $790/ton per ottobre, in calo da $820/ton di settembre.

Un commerciante cinese ha dichiarato: "Entrambe le spedizioni di PVC base etilene e acetilene dalla Cina vengono offerte intorno a $830/ton FOB. Ma abbiamo anche sentito un accordo per una spedizione di K67 base etilene a circa $800/ton FOB Cina. "

Prezzi CIF superiori a $900 in difficoltà nel sud-est asiatico

I trader del sud-est asiatico hanno affermato che è difficile vendere a livelli superiori a $900/ton CIF nella regione. "I produttori del sud-est asiatico hanno capacità considerevoli e sono stati riportati come piuttosto aggressivi. Sarebbe difficile per altre origini, come ad esempio i giapponesi, competere con gli operatori regionali", ha detto un commerciante regionale.

"Vediamo che la domanda regionale non è ancora aumentata. A meno che la domanda non si rafforzi, sarà difficile aumentare i prezzi nel sud-est asiatico", ha aggiunto.
Prova Gratuita
Login