Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PET bottiglia seguono percorsi opposti in Europa e Asia

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 10/07/2020 (11:04)
I prezzi spot del PET bottiglia in Europa hanno seguito un trend rialzista dalla seconda metà di giugno, con i mercati di Italia e Nord Europa che hanno aperto luglio con una nuova serie di aumenti. In Cina, tuttavia, è stato l’opposto poiché le offerte sono state riportate in calo a metà giugno le quali hanno pesato anche sul Sudest Asiatico.



I principali motivi dietro le tendenze divergenti sono stati i seguenti:

· Il sostegno ai costi è perdurato in Europa, svanito in Asia
· I buyer cinesi hanno già fatto scorte
· Outlook incerto per influenza autunnale in entrambe le regioni
· Tuttavia, la promettente domanda in SEA potrebbe bilanciare la debole attività in Cina

EUROPE

I costi in aumento pesano sulla domanda inferiore alle aspettative

In Europa, i mercati sono stati sostenuti dall’aumento dei costi delle materie prime a fine giugno dopo un lungo trend ribassista di 3 mesi. Sebbene la domanda degli utenti finali sia rimasta inferiore rispetto alle aspettative a seguito di blocchi causati dal virus, i prezzi MEG e PX in rialzo hanno spinto la fascia bassa del mercato del PET in aumento di €10-20/ton.

I prezzi aumentano ancora a luglio

Le nuove offerte di PET per luglio sono emerse con nuovi aumenti fino a €40/ton. Questo è stato in linea con l’intenzione dei produttori di recuperare i loro margini dopo che i prezzi hanno toccato i livelli minimi da quando ChemOrbis ha iniziato a riportare i dati nel 2011 a maggio.

La domanda dal settore del turismo deve ancora riprendersi

In Italia e in altri paesi europei, alcune transazioni sono già state concluse in rialzo di €30-40/ton rispetto a giugno a causa del rialzo del contratto del MEG .

Tuttavia, la domanda del prodotto finale non è stata all’altezza delle aspettative stagionali. I player hanno riferito a ChemOrbis: “Il consumo di piccole bottiglie è ancora inferiore a quello di quelle più grandi a causa di un settore turistico lento. Alcuni produttori di bottiglie hanno subito un calo degli ordini del 30% rispetto allo scorso anno."


La mancanza di offerte di importazione competitive sostiene il mercato

Questa settimana alcune offerte di bottiglie asiatiche di importazione in PET sono emerse leggermente al di sotto dei mercati di Italia e Germania. Tuttavia, questi carichi non sono stati considerati opzioni interessanti in considerazione dei loro termini di consegna più lunghi. "Ci asteniamo da carichi distanti a meno che non forniscano prezzi davvero buoni poiché le prospettive della domanda per l’autunno sembrano poco chiare", ha ammesso un trasformatore.

ASIA

Future PTA in calo pesano sul mercato PET Cina

I prezzi di esportazione del PET bottiglia fuori dalla Cina hanno seguito un trend ribassista dalla seconda metà di giugno in seguito alle materie prime volatili in Asia. I prezzi sono calati ancora di $10-20/ton questa settimana spinti in ribasso dalle diminuzioni del future del PTA sulla borsa di Zhengzhou.

Le offerte di esportazione dalla Cina e dalla Corea sono diminuite del 4% in un mese

Secondo i dati medi settimanali dell’indice dei prezzi ChemOrbis, le offerte di PET su base FOB Cina/Corea del Sud sono diminuite $20-25/ton (3,5-4%) nelle ultime 4 settimane.

La diminuzione ha riflesso i prezzi spot del PX (paraxilene) che hanno perso oltre il 6% da metà giugno a oggi su base FOB Corea del Sud, hanno rivelato i dati di ChemOrbis.


Domanda debole ha portato a tagli sui prezzi

La maggior parte dei trasformatori in Cina ha terminato le proprie attività di rifornimento nelle settimane precedenti, il che ha pesato sulla domanda con l’inizio di luglio.

I mesi estivi sono tradizionalmente l’alta stagione per le bottiglie poiché il caldo fa aumentare la domanda di bevande analcoliche. Tuttavia, finora non si sono concretizzate aspettative ottimistiche sulla domanda finale.

Un trader ha dichiarato: “Luglio e agosto si riferiscono all’alta stagione per il PET, ma la maggior parte dei buyer ha già rifornito i propri inventari a prezzi più bassi. Ora stanno solo approvvigionando i loro bisogni di base."

Una migliore domanda nel SEA potrebbe compensare la Cina debole

Il mercato del PET nel Sudest Asiatico è stato influenzato dalla riduzione dei prezzi in Cina, con offerte in tutta la regione che hanno seguito per lo più una tendenza da stabile a leggermente in calo.

Allo stesso tempo, la domanda è stata più promettente tra l’eliminazione dei blocchi legati alla pandemia di COVID-19 e l’alta stagione estiva. "Ciò potrebbe superare in qualche misura l’impatto della lieve domanda e il previsto riavvio di alcuni impianti di PET in Cina", hanno commentato i player nel Sudest Asiatico.
Prova Gratuita
Login