Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PP, PE Turchia a un bivio: Prezzi cambieranno approccio dopo due mesi di cali?

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 08/05/2020 (11:56)
I mercati delle poliolefine hanno mostrato una crescente stabilizzazione verso la fine della settimana perché i fornitori sono stati incoraggiati abbastanza da esprimere obiettivi di aumento per giugno in Turchia. I prezzi di PP e PE hanno già toccato i minimi dal 2008 per la maggior parte dei prodotti e alcuni di loro sono scesi ai minimi storici dopo le diminuzioni di maggio, secondo i dati del Price Index di ChemOrbis.

Player preoccupati da fattori contrastanti, tra cui:

·    Cina resta in rialzo, creando pressione rialzista sulla Turchia

·    Prezzi del petrolio in aumento e parziale riapertura dei mercati dell’export fanno crescere l’ottimismo

·    Cambio USD/TRY in salita, impatto del COVID-19 sulla macroeconomia richiedono cautela



PPH e PE di importazione commercializzati al di sotto della Cina da metà aprile

I mercati delle poliolefine di importazione della Turchia hanno iniziato a essere commercializzati al di sotto dei livelli della Cina un mese fa a causa dei trend opposti nei due grandi mercati, secondo quanto mostrato dai dati medi settimanali del Price Index di ChemOrbis.

PP omo rafia e LDPE sono attualmente inferiori di $20-30/ton rispetto alla Cina, mentre i prezzi di HDPE e LLDPE film hanno uno sconto superiore di circa $70/ton dopo gli annunci in calo di maggio in Turchia.

I netback sfavorevoli in Turchia hanno fatto sì che alcuni fornitori di Medio Oriente e Corea del Sud riducessero le allocazioni nelle ultime settimane.

I venditori hanno ottenuto delle vendite soddisfacenti nella prima metà di aprile in Cina a causa della forte domanda dopo l’allentamento dei lockdown dovuti al coronavirus. Questo ha in parte allentato la pressione dalle scorte, quando le attività in Turchia, Sudest Asiatico e in diversi altri mercati sono rimaste ridotte per la pandemia”.

Un trader globale


I minimi storici hanno attirato l’interesse all’acquisto dei buyer questa settimana perché desiderosi di ridurre i costi, rifornendo le scorte e pagando prezzi competitivi. Un buyer ha affermato “I venditori stanno adottando un atteggiamento rialzista in questi giorni. I produttori di PP e PE della Corea del Sud non hanno fretta di vendere, mentre un fornitore indiano ha già chiesto aumenti di $20/ton per alcuni gradi di HDPE”.

”Siamo sold out per Maggio grazie al crescente numero di controfferte da parte dei nostri clienti e la nostra disponibilità moderata. Anche se la domanda di prodotti finiti non è spettacolare, alcuni buyer hanno preferito andare incontro alle loro necessità, ritenendo che potrebbero non trovare prezzi così competitivi il mese prossimo, se la Cina continuerà ad aumentare i prezzi”.

Una fonte di un produttore del Medio Oriente


Inoltre, secondo alcune voci un produttore regionale ha avuto problemi di produzione per l’LLDPE e potrebbe non fornire materiale extra fino a metà maggio, contribuendo a un cauto miglioramento del sentimento.

Venditori di PP rafia import testano il livello di $800/ton CFR Turchia

La pressione rialzista dal mercato del PP in Cina ha aiutato i trader ha rinnovare la loro fiducia, portando a idee di vendita in rialzo per le origini saudite e russe. Un produttore di sacchi ha riportato “Il mercato non è sceso sotto la soglia dei $750/ton durante aprile perché i venditori si sono imposti di non scendere sotto questo livello. Tuttavia, le idee di vendita in rialzo non si sono ancora trasformate in transazioni finora”.

L’interesse all’acquisto è rimasto tiepido per i nuovi carichi, visti i carichi competitivi in pronta consegna nel mercato della distribuzione. Il range del PP rafia nazionalizzato è sceso sotto la soglia dei $1000/ton ex-warehouse Turchia, IVA inclusa, sui minimi all’inizio della settimana.

In ripresa sentimento per PE dagli USA dopo che le offerte toccano minimo di $670/ton CFR

Le offerte americane si sono aggiunte alle perdite con le offerte aggressive per Sudest Asiatico, Egitto, Turchia e Africa a maggio, con prezzi al di sotto dei $700/ton CIF in molte regioni.


Tuttavia, il sentimento è relativamente migliorato dalla parte dei fornitori alla fine della settimana. “Un produttore statunitense ha sospeso la produzione. Questo spiega perché i trader sono riluttanti nel concedere i prezzi precedenti. Le offerte potrebbero aver toccato il minimo”, ha affermato un player.

Player vedono forte rimbalzo come improbabile nel breve termine

Altri player sembrano convinti che il trend ribassista possa essere giunto alla fine per PP e PE, dopo le diminuzioni consecutive in atto da metà marzo, sotto la pressione dei prezzi del petrolio crollati e del trading colpito dal virus.

Tuttavia, un forte rimbalzo sembra poco probabile secondo molti player, a meno che il mercato dell’export non riprenda regolarmente o ci sia un calo dell’offerta. La sostenibilità del trend rialzista in Cina e le scorte elevate di poliolefine locali, la volatilità del petrolio, la traiettoria del COVID-19 e il suo impatto distruttivo sulle economie globali resteranno fattori cruciali da osservare ancora per un po’.

“La svalutazione della lira turca contro il dollaro USA ha frenato l’attività domestica verso la fine della settimana”, ha osservato un buyer. Il cambio USD/TRY ha toccata i massimi storici giovedì, superando i 7.20 prima di diminuire poco dopo.
Prova Gratuita
Login