Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PP, PE Turchia valutano possibile impatto della chiusura delle frontiere con l’Iran

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 28/02/2020 (12:05)
Il 23 febbraio la Turchia ha chiuso le quattro frontiere con l’Iran come misura preventiva contro la diffusione del coronavirus. La reazione dei mercati dei polimeri è stata limitata finora, tuttavia, a causa dell’emergere di altre fonti di rifornimento.

Ferrovie e collegamenti stradali sono stati chiusi, mentre i voli verso l’Iran sono stati cancellati a causa del crescente numero di decessi nel paese vicino. I trader che lavorano con i produttori di polimeri iraniani hanno commentato a ChemOrbis “Le consegne dall’Iran potrebbero essere sospese fino a metà marzo, nello scenario migliore”.

Trader: Interruzioni potrebbero supportare PP fibra, HDPE

I prezzi delle poliolefine in Turchia sono diminuiti nella seconda metà di febbraio sotto la pressione delle diminuzioni di prezzo dei carichi di importazione dalla Cina colpita dal virus . La domanda di polimeri in Cina è stata debole mentre le scorte di materiale domestico si sono accumulate a causa delle ferie prolungate. Il settore manifatturiero intanto sta riprendendo le attività.

Non solo il crescente premio sulla Cina, ma anche il crescente numero di offerte dalle origini non regolari e l’interesse all’acquisto incerto hanno pesato sulle attese di marzo in Turchia. Questo dopo il trend rialzista che è durato circa un mese e mezzo.

È opinione diffusa che l’offerta ridotta dall’Iran possa evitare diminuzioni su alcuni prodotti, compresi il PP fibra e l’HDPE, anche se in maniera limitata. I fattori ribassisti potrebbero mitigare l’impatto dell’assenza dell’Iran, secondo i trasformatori. Un agente di un produttore iraniano ha affermato, “Se le frontiere restano chiuse più a lungo di quanto pensiamo, i buyer potrebbero tornare sul mercato e chiedere materiale”.

L’Iran è stato il quinto fornitore di polimeri della Turchia nel 2019, secondo le Statistiche di importazione di ChemOrbis. È stato il secondo fornitore di HDPE e il terzo di LLDPE della Turchia.

Tassi di nolo in aumento potrebbero supportare venditori iraniani

I tassi di nolo dall’Iran verso la Turchia dovrebbero aumentare prima della festa di Newroz tra il 20 e il 23 marzo. “Le frontiere potrebbero restare chiuse per 7-10 giorni. Se la durata della chiusura dovesse protrarsi, i prezzi dall’Iran aumenterebbero a prescindere dalla domanda ferma dalla Turchia. Tuttavia, dubitiamo che le offerte in rialzo possano essere accettate”, ha osservato un player.

Speculazioni su offerta di PE dall’Uzbekistan

Alcuni player hanno affermato che le consegne dall’Uzbekistan sono state bloccate, in linea con la chiusura delle frontiere con l’Iran. Un trasformatore però ha affermato “I carichi uzbeki sono spediti da due porti, in Russia e Georgia. In ogni caso, non sono stati destinati molti volumi alla Turchia dall’Uzbekistan negli ultimi due mesi. Non ci aspettiamo quindi un cambiamento sostanziale della situazione”.

Buyer: Origini irregolari mitigheranno impatto del calo dell’offerta dall’Iran

I mercati di PP e PE di importazione hanno visto un crescente numero di offerte dall’Asia, insieme a un’attività tiepida in Cina e Sudest Asiatico questo mese.

Le offerte iniziali di PP rafia e LLDPE sono emerse dalla PrefChem della Malesia, mentre i carichi in pronta consegna dal nuovo impianto di SOCAR in Azerbaijan hanno pervaso il mercato dell’HDPE pipe nero. I prezzi di PP rafia dalla Corea sono emersi in aggiunta alle offerte iniziali di HDPE film dai nuovi impianti di Russia e Corea del Sud, fornendo alternative interessanti ai buyer. Inoltre, la saudita NATPET ha ricominciato a offrire PP fibra alla Turchia dopo oltre un anno.

“Lo stop alle consegne dall’Iran oltre ai fermi impianto di PP, PE in Medio Oriente ed Egitto sarà bilanciato dalla crescente offerta dall’Asia. Inoltre, la continua svalutazione della lira turca contro il dollaro USA pesa sulla domanda di prodotti finiti in Turchia”, ha commentato un trasformatore. Intanto i buyer credono che i mercati di PP rafia e HDPE possano dover far fronte a diminuzioni maggiori rispetto ad altri gradi.
Prova Gratuita