Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PP e PE Turchia spingono per inizio 2° semestre in rialzo nonostante vulnerabilità del mercato

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 26/06/2020 (10:36)
Come per tutti i mercati dei polimeri, anche la Turchia ha vissuto un anno turbolento finora, con movimenti improvvisi dei prezzi a causa delle carte in tavole stravolte dagli effetti della pandemia di COVID-19. Il secondo trimestre è iniziato con forti perdite sui prezzi dei polimeri prima che tornassero ad aumentare a maggio.

Il crollo dei costi e la domanda colpita dal virus a livello globale hanno spinto i prezzi di PP e PE ai minimi degli ultimi anni da fine marzo a metà maggio, nonostante i forti problemi di logistica. I lockdown a livello mondiale hanno colpito l’export e hanno mantenuto gli acquisti al minimo indispensabile, con tassi di utilizzo ridotti.

Questa situazione è stata seguita da un rimbalzo per entrambi i prodotti lo scorso mese, tuttavia, poiché la riapertura delle economie avvenuta in mood graduale e la pandemia ancora in corso hanno fatto crescere la domanda per alcune merci, soprattutto packaging alimentare e applicazioni mediche in Turchia. La crescita dei mercati del petrolio grazie all’outlook di una ripresa della domanda ha contribuito allo scenario.

Secondo i dati di ChemOrbis, i prezzi del PP omo di importazione sono crollati di circa il 25% mentre le diminuzioni complessive hanno raggiunto il 20-24% per i gradi di PE durante il trend ribassista. La salita iniziata nella seconda parte di maggio ha spinto le offerte di PP in rialzo del 15-20% per il PP omo e del 15-22% per i prezzi di PE , sulla base della media settimanale.



Aspettative PP sono meno forti rispetto al PE?

I prezzi di importazione del PP omo hanno seguito un trend per lo più stabile durante le ultime due settimane dato che l’attività si è calmata. Questo ha portato a un piccolo allentamento del mercato localizzato questa settimana, mentre il trend rialzista in Cina ha mantenuto il mercato di importazione in rialzo sui livelli massimi. I player hanno affermato, “I prezzi sopra i $920/ton per la rafia e $950/ton per la fibra su base CFR Turchia, soggetti al 6.5% di dazio sono diventati scarsi questa settimana a causa della mancanza di negoziazioni di prezzo”.

I dati medi settimanali di ChemOrbis suggeriscono che i prezzi di importazione del PP omo in Turchia hanno continuato ad avere un premio di $80/ton sulla Cina, che potrebbe invogliare i venditori a indirizzare più volumi in Turchia. Tuttavia, il premio per il PE si attesta tra $27-44/ton.


Ulteriore ma piccolo aumento PE sembra in arrivo a luglio

I player in Turchia stanno esprimendo le aspettative adesso che luglio è dietro l’angolo. Le materie prime tra cui la nafta spot e i prezzi delle olefine hanno registrato aumenti stabili per la maggior parte di giugno. Questo ha rafforzato l’opinione comune che i fornitori del Medio Oriente potrebbero tornare con leggeri aumenti tenendo in considerazione la recente domanda calma.

L’idea è sostenuta dai massimi di diversi mesi dell’etilene in Europa e Asia così come dalla mancanza di un premio sufficiente del mercato del PE di importazione della Turchia sulla Cina. Questo potrebbe incoraggiare I venditori di altre origini a mantenere la loro politica di prezzo rialzista per un altro mese. Alcuni grandi trader hanno affermato, “Non ci aspettiamo nessun prezzo di LLDPE e HDPE sotto gli $800/ton CFR per materiale dagli USA”.


Un buyer si aspetta di ricevere offerte dal Medio Oriente a $900/ton per l’LDPE e a $850/ton per l’HDPE e l’LLDPE film. Nuovi annunci sono previsti per la prossima settimana, secondo il buyer.

I mercati rimangono divisi da una serie di fattori opposti

Lo stato della domanda nei mercati globali potrebbe svolgere un ruolo chiave nella definizione delle dimensioni di ulteriori rialzi poiché la preoccupante ripresa dei casi di virus in Asia, America e Africa mantiene la vulnerabilità in atto. La fattibilità degli aumenti e il miglioramento della domanda in Cinaprevale come fattore da monitorare nel lungo termine.

"Finché l’attività in Cina continua a un certo livello e i netback rimangono elevati, i venditori di importazione di PE potrebbero non indirizzare molto volume in Turchia il prossimo mese", hanno affermato i player.

Per quanto riguarda la Turchia, i prezzi sarebbero supportati dai rialzi sui contratti dei monomeri attesi in Europa e dall’offerta limitata in corso per determinati prodotti, tra cui alcuni LDPE gradi di HDPE pipe 100. L’immagine più ampia rende necessario il monitoraggio dell’ impatto della seconda ondata di pandemia sulle economie locali e globali e anche dei future del petrolio, tuttavia.

“I prezzi del PP possono oscillare o avvicinarsi ai livelli prevalenti nella seconda metà dell’anno, poiché la maggior parte dei buyer è coperta ora. Sono probabili aumenti modesti per il PE, ma la possibilità di rollover sulle trattative non dovrebbe essere esclusa. I prezzi potrebbero diminuire dopo luglio", hanno detto alcuni player in Turchia.
Prova Gratuita
Login