Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PS, ABS Europa: un altro mese di diminuzioni?

di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 28/10/2019 (12:11)
I mercati di PS e ABS in Europa hanno chiuso ottobre con diminuzioni di prezzo rispetto allo scorso mese, mentre anche dei rollover sono stati riportati in alcuni casi. Andando verso novembre, i player si stanno chiedendo se la domanda stagnante peserà ulteriormente sull’outlook per il secondo mese consecutivo.

Preoccupazioni per domanda di PS aumentano nel settore packaging

Anche se il trend è diventato ribassista a ottobre nei mercati europei di PS e ABS, le diminuzioni sono state limitate a €20/ton in molti casi, in linea con la chiusura mensile dello stirene.

Andando avanti con il mese, le preoccupazioni per la domanda stagnante sembrano essere cresciute e i venditori hanno lamentato la loro scarsa performance di vendita. Un distributore in Italia ha affermato “La domanda di PS è migliorata a ottobre. Gli acquisti sono stati colpiti in modo particolare per la disputa sull’uso della plastica monouso”.

La bassa stagione nel settore del packaging ha contribuito alla stagnazione della domanda. Un produttore di packaging in Germania ha confermato una domanda piuttosto debole per i suoi prodotti finiti, aggiungendo di aver saltato gli acquisti di HIPS questo mese.

Scorte ABS accumulate per settore automotive debole

Diversi venditori in Germania e Francia hanno riportato che i buyer di ABS hanno acquistato il minimo indispensabile o sono rimasti inattivi a causa delle condizioni difficili nel settore dell’automotive. Questo ha portato naturalmente a un aumento delle scorte da parte dei venditori e li ha spinti a concedere degli sconti.

L’offerta nel mercato dell’ABS è considerato ancora più che buono. Un trader ha affermato “Le nostre scorte restano alte, anche se di solito vendiamo ampie quantità di materiale tra settembre e ottobre”.

Dati economia confermano pessimismo in crescita per la domanda

Tornando a settembre, il manifatturiero è calato per l’ottavo mese consecutive in Europa. Inoltre, il PMI di settembre ha segnato la lettura più bassa da ottobre 2012. I produttori di beni di investimento hanno visto la diminuzione più forte, seguiti dai beni intermedi. I beni di consumo hanno visto una contrazione per la prima volta da novembre 2013.

I dati suggeriscono inoltre che le immatricolazioni dei veicoli per passeggeri nell’Unione europea e nei paesi EFTA sono diminuite del 3.1% nella prima metà del 2019. Il settore auto in Europa è responsabile di un quinto della produzione mondiale di automobili.

Materie prime in calo colpiscono ulteriormente il sentimento del PS

Oltre a domanda-offerta, le materie prime stanno pesando sul sentimento. I prezzi spot di stirene e benzene sono diminuiti rispettivamente del 7% e del 10% da fine settembre in Europa, anche se lo stirene ha in parte recuperato delle perdite la scorsa settimana.

I player europei nei mercati di PS e ABS si aspettano ampiamente di vedere un risultato in calo nel contratto dello stirene di novembre.

Le diminuzioni acquisiranno slancio a novembre ?

Novembre suggerisce un outlook più ribassista rispetto a ottobre, sia in termini di domanda-offerta che per gli sviluppi delle materie prime. Di conseguenza, alcuni si aspettano che la flessione possa guadagnare slancio nei mercati di PS e AB. Tuttavia, i venditori potrebbero tenere sotto controllo le diminuzioni per recuperare i margini.
Prova Gratuita