Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati PVC Europa si preparano al 6° mese di aumenti a novembre

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 26/10/2020 (12:02)
I mercati di PVC in Europa stanno chiudendo ottobre con aumenti di €60-70/ton dovuti all’offerta corta, segnando il quinto mese consecutivo di aumenti. Le attese sono rialziste anche per il mese prossimo. L’offerta corta dovrebbe continuare anche a novembre, anche se la gravità della situazione attuale potrebbe alleviarsi con la ripresa di alcuni impianti di PVC dopo i lavori di manutenzione.

Domanda supera offerta di PVC

I player di PVC faticano a trovare il materiale perché i produttori hanno ridotto le quote per i fermi impianto programmati e non nell’intera catena di produzione. Alcuni trasformatori hanno dovuto ridurre la produzione perché non avevano sufficiente disponibilità di PVC.

Un buyer ha affermato “Abbiamo dovuto fermare una delle nostre linee a causa di problemi di consegna per la mancanza di materiale nel mercato spot”.

3 FM in Europa

Due dei maggiori produttori si sono uniti a Inovyn e hanno dovuto dichiarare forza maggiore il 13 ottobre. Shin Etsu e Kem One hanno dovuto dichiarare forza maggiore sulla base di problemi non prevedibili, i produttori non hanno rivelato dettagli sulle date di riavvio.

Inoltre, la maggior parte dei player è consapevole del fatto che i produttori non revocheranno la forza maggiore subito dopo aver risolto i problemi. Considerando che le scorte sono quasi inesistenti, ristoccheranno prima di revocare la dichiarazione di forza maggiore.

Una fonte di uno dei maggiori player del mercato ha affermato “Stiamo vendendo quello che produciamo. Abbiamo bisogno di ristoccare per poter consegnare senza problemi. Tutti i fornitori hanno scorte basse e le dichiarazioni di forza maggiore saranno revocate una volta che i livelli di scorta saranno sufficienti a coprire le richieste dei clienti”.

I riavvii sono lenti

Spolana ha riavviato gli impianti di PVC e VCM il 21 ottobre, mentre Vynova dovrebbe riprendere la produzione delle unità di derivati a breve.

Poiché i produttori regionali stanno facendo fronte alle interruzioni alla produzione di materie prime, i riavvii delle unità di PVC sono legati alla ripresa di queste unità. Anche il raggiungere la piena produttività richiede tempo, come sottolineato da un player.

Per seguire le notizie di produzione sul PVC più recenti, consulta le Notizie di Produzione PVC (Riservato agli abbonati)

Mancanza di import dagli USA colpisce il mercato

Gli aumenti a livello globale e l’assenza di offerta dagli USA hanno rafforzato il trend rialzista nei mercati europei di PVC. Le nuove spedizioni dagli USA sono sporadiche a causa delle forze maggiori nella regione.

I player non si aspettano un immediato sollievo dell’offerta import poiché l’Europa è rimasta indietro rispetto agli aumenti degli altri mercati di PVC, soprattutto della Turchia, dove i prezzi sono i più alti.

L’offerta nel mercato spot è corta a causa del fatto che i venditori regionali hanno scelto di esportare verso località più proficue.

Italia commercializza ancora al di sotto della Turchia

Nonostante gli aumenti notevoli di ottobre, i prezzi spot di PVC in Italia sono rimasti ben al di sotto dei prezzi di importazione per le origini non tassabili in Turchia. I prezzi locali in Europa dovrebbero avere un premio sul mercato dell’import in Turchia, in condizioni di mercato bilanciate.

Secondo i dati medi settimanali del Price Index di ChemOrbis, l’equivalente in dollari USA del prezzo locale di PVC in Italia è inferiore di $185/ton rispetto alle origini esenti da dazio offerte in Turchia su base CIF. Tuttavia, il gap si è ristretto rispetto al livello record di circa $240/ton di fine settembre.



C2 di novembre atteso per lo più in rialzo

Oltre all’offerta corta di PVC, i prezzi dovrebbero essere supportati dal contratto dell’etilene a novembre. I player si aspettano aumenti di €10-30/ton sul prossimo contratto.

I prezzi spot dell’etilene hanno registrato aumenti per i fermi impianto per manutenzione. Secondo il Price Wizard di ChemOrbis, i prezzi spot dell’etilene su base FD NWE sono aumentati di circa €30/ton da fine settembre.

Domanda potrebbe sfidare bassa stagione, ma occhi su clima, COVID-19

La domanda potrebbe non raffreddarsi come al solito nonostante la bassa stagione, come suggerito da alcune fonti. I buyer hanno esaurito le scorte per la forte domanda di alcune applicazioni di PVC e per l’incapacità di avere allocazioni regolari. I clienti non sono riusciti a fare scorte a settembre e ottobre per la mancanza di PVC, che potrebbe spingerli ad acquistare alcuni carichi a novembre.

Fonti hanno commentato “Il PVC ha mostrato la performance più forte tra gli altri polimeri, mentre l’apertura dei cantieri e i pacchetti di stimolo hanno fatto crescere la domanda in particolare di tubi e profili”.

Anche le condizioni climatiche delineeranno la domanda il mese prossimo, come affermato dai player del settore dei tubi. Intanto, le nuove restrizioni e i coprifuochi nella regione sono monitorati da vicino perché potrebbero causare problemi di logistica. Questi fattori potrebbero limitare gli aumenti attesi.
Prova Gratuita
Login