Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercati import PE danno segnali di indebolimento in Cina, SEA

di Merve Sezgün - msezgun@chemorbis.com
  • 24/07/2020 (10:29)
Il mercato locale di PE in Cina ha di recente interrotto un trend rialzista di nove settimane a causa dei future del Dalian in calo e dello scarso interesse all’acquisto. I prezzi locali in lieve ribasso hanno pesato sul sentimento del mercato di importazione e i buyer hanno adottato un approccio più cauto per i nuovi acquisti. Nel Sudest Asiatico, intanto, il trend rialzista del PE ha perso slancio perché gli occhi dei player sono concentrati sui segnali ribassisti dalla Cina.

Domanda di PE in Cina in calo anche per HDPE pipe

La domanda di PE dalla Cina è stata forte soprattutto per l’HDPE pipe da quando il paese è uscito dal lockdown dovuto al COVID-19 e le attività hanno iniziato a vedere una ripresa. A maggio, le importazioni complessive di PE hanno toccato i massimi storici, riflettendo la forza della domanda.

Nel mercato dell’import di PE; la domanda forte e l’offerta limitata hanno supportato il trend rialzista per la nona settimana consecutiva, a partire da metà maggio.

Questa settimana, tuttavia, i trader hanno riportato che l’interesse all’acquisto ha iniziato a scemare poiché i buyer sono usciti dal mercato dopo aver visto i prezzi perdere terreno. Le attese secondo cui l’offerta corta migliorerà a breve si sono aggiunte allo scarso interesse per i nuovi acquisti.

“La domanda di HDPE pipe è stata più forte di altri prodotti di PE durante la risalita dei prezzi, per le attività in crescita nei settori delle infrastrutture e delle costruzioni nel periodo post-lockdown. Tuttavia, l’interesse all’acquisto si è indebolito anche per il grado tubo di recente”, hanno osservato alcuni trader.

Prezzi import non estendono aumenti alla decima settimana, outlook in calo

I prezzi del PE di importazione su base CIF Cina non sono riusciti a mantenere il trend rialzista finora, dopo nove settimane consecutive di aumenti. Le offerte spot per le origini del Medio Oriente sono rimaste stabili sulla settimana, mentre i prezzi per il PE indiano sono diminuiti.



Offerta dovrebbe essere meno corta

La stagione delle manutenzioni in Cina si sta avvicinando alla fine e diversi impianti di PE sono programmati per ripatire dopo le manutenzioni a luglio e agosto.

A parte i riavvi degli impianti, i player pensano anche che le nuove capacità in arrivo nel paese aiuteranno ad allentare l’attuale offerta corta. Nel 2020, circa 3.5 milioni di tons di capacità di PE dovrebbero essere aggiunte alla produzione complessiva del paese.

Secondo i trader, l’offerta complessiva delle poliolefine dei due maggiori produttor domestici è stata riportata a 715.000 tons il 23 luglio. All’inizio di luglio, i livelli delle scorte si sono aggirati al di sotto di 700.000 tons.

Nel frattempo, alcuni player hanno notato che l’arrivo di carichi di PE dagli USA nei porti della Cina potrebbe farsi sentire nel mercato di importazione nel breve termine.

Mese dei Fantasmi limiterà attività

Le attività di trading dovrebbero diminuire intorno alla metà di agosto a causa dell’avvicinarsi della Festa dei Fantasmi, hanno commentato alcuni player.

Buyer SEA si oppongono già a continui aumenti

I prezzi di importazione del PE su base CIF SEA sono aumentati per la dodicesima settimana consecutiva, ma il ritmo degli aumenti ha rallentato questa settimana considerando l’avvicinarsi della festività di Eid al-Adha e i segnali ribassisti dalla Cina.

Nonostante il fatto che le manutenzioni continuino a mantenere i livelli dell’offerta regionale di PE bassi, i prezzi di importazione potrebbero solo assistere a leggeri aumenti di circa $10-20/ton rispetto alla scorsa settimana.

I player hanno affermato, “La resistenza all’acquisto è aumentata da parte dei trasformatori che hanno citato i prezzi dei prodotti finiti bassi, i quali potrebbero non sostenere i prezzi dei polimeri in rialzo. I buyer regionali potrebbero dovere solo ridurre i volumi di acquisto a causa dei continui aumenti del PE. La domanda sta iniziando a diminuire, specialmente in Vietnam”.

Il calo nel mercato del PE della Cina potrebbe limitare un ulteriore trend rialzista nel Sudest Asiatico dato che i buyer regionali sono prudenti nel fare nuovi acquisti. Anche l’avvicinarsi delle festività potrebbe avere un impatto sui volumi di trading, con alcuni player che potrebbero prendersi una pausa più lunga per festeggiare la festività di Eid la prossima settimana in paesi come Indonesia, Malaysia e Singapore.

Prova Gratuita
Login