Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato PET europeo, aumenti posticipati a marzo?

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 14/02/2019 (12:11)
In Europa, i prezzi spot del PET sono rimasti per lo più stabili e in alcuni casi sono stati richiesti leggeri aumenti di €10-20/ton questo mese, dopo che a gennaio avevano toccato i livelli più bassi degli ultimi dieci mesi. La mancanza di problemi di offerta e la domanda regolare hanno frenato i tentativi di aumento nella regione, nonostante poche trattative chiuse in rialzo.

Chiusure materie prime di febbraio non supportano rapido trend rialzista per febbraio

Il contratto del MEG di febbraio è stato chiuso in calo di €30/ton mentre una chiusura iniziale del PX è stata concordata a un aumento a due cifre, dopo quattro mesi consecutivi di ribassi.

Secondo i player, la mancanza di supporto da parte delle materie prime ha messo un freno al trend rialzista sui prezzi di PET per questo mese.

Attività di pre-buying frenerà la domanda?

La domanda è rimasta calma anche se i buyer hanno gradualmente aumentato i volumi di acquisto rispetto ai mesi precedenti. Questo non solo a causa del fatto che i preparativi per la stagione devono ancora iniziare, ma anche perché alcuni buyer di PET hanno già coperto le loro necessità.

Un distributore in Svizzera ha commentato “È difficile valutare la domanda di febbraio perché i buyer non hanno urgenza di ristoccare, grazie agli acquisti fatti in precedenza nel mercato dell’import. Crediamo che non ci saranno grandi variazioni nel mercato locale, a meno che la domanda stagionale non parta”.

Player monitorano la Cina

Il focus dei player si è ora spostato sulla domanda post-festività in Cina, poiché i prezzi di PET nei mercati asiatici non dovrebbero vedere alcuna pausa dal trend rialzista, viste le scorte basse dei fornitori cinesi da una parta e i costi in rialzo dall’altra.

I produttori europei sono rimasti fermi sulle loro offerte durante l’assenza della Cina e potrebbero continuare così se la Cina tornerà dalle ferie in rialzo, ha osservato un distributore.

Crescono preoccupazioni per le ultime spedizioni dalla Cina

Inoltre, i tempi di spedizione saranno un fattore importante da osservare per i player a causa delle preoccupazioni sulla disponibilità della Cina nel fornire quantità sufficienti, una volta iniziata l’alta stagione.

Un trasformatore in Italia ha riportato “Le offerte di importazione che abbiamo ricevuto sono in linea con i nostri livelli prefestivi mentre questi carichi saranno spediti ad aprile e arriveranno a maggio.

Aumenti potrebbero acquisire forza a marzo

I prezzi spot del PET in Italia e Nord Europa sono rimbalzati dai minimi degli ultimi dieci mesi, raggiunta nell’ultima parte di gennaio. Le condizioni di domanda e offerta suggeriscono che i prezzi potrebbero oscillare sui livelli attuali nel breve termine.

Di conseguenza, diversi player concordano sul fatto che un trend rialzista visibile possa essere posticipato al prossimo mese.

Gli aumenti dei prezzi spot del PX dovrebbero rafforzare il trend rialzista nel mercato. Secondo i dati medi settimanali del Price Wizard di ChemOrbis, i prezzi su base FOB NWE hanno registrato aumenti complessivi di circa $120/ton da quando gli aumenti sono iniziati nei primi giorni di gennaio.


Prova Gratuita