Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato PP Turchia continua a lottare con offerta limitata, prezzi ai massimi di diversi mesi

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 09/02/2024 (11:59)
I player di polimeri stanno affrontando una crisi dell’offerta dalla fine del 2023 a causa dei disordini nel Mar Rosso, mentre i prolungati problemi logistici sono rimasti il principale motore dei nuovi aumenti di prezzo a febbraio. Il PP è stato il più colpito dalle interruzioni della catena di approvvigionamento globale poiché la Turchia dipende il larga misura dai fornitori di importazione per questo prodotto.

Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, i prezzi dall’Arabia Saudita, il più grande fornitore di PP omo e PP copolimero della Turchia, sono aumentati del 25-27% ($240-270/ton) in totale da quando il trend rialzista è iniziato otto settimane fa.

Raffia - Import PP Prices – CIF Türkiye - Fibre

Offerta corta scatena panico, prezzi PPH import ai massimi di 18 mesi

I prezzi del PP in Turchia sono aumentati nella seconda metà di dicembre, quando sono iniziate le interruzioni a Suez e ha portato scompiglio nel mercato. La maggior parte dei trader e dei consumatori si è trovata con scorte basse di fine anno, mentre il trend rialzista ha preso ulteriore slancio a gennaio poiché i ritardi di consegna e i tempi di transito più lunghi per via del reindirizzamento di diversi carichi hanno avuto effetti a catena sia sui prezzi di trasformazione che su quelli della resina.

Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, le offerte di PPH saudita hanno toccato i loro livelli massimi da luglio 2022. Diversi player hanno concordato, “Se la domanda dei derivati fosse forte, il mercato vedrebbe aumenti ancora maggiori nel primo trimestre”.

I rapidi aumenti hanno necessariamente richiamato alla mente il picco del 2021 poiché i prezzi in Turchia avevano subito rialzi vertiginosi in quel momento. Una grave carenza di offerta di importazione per via dei costi di spedizione elevati e di una domanda latente in seguito alle restrizioni del Covid aveva spinto i prezzi del PPH ai massimi senza precedenti di $1900-2000/ton CIF in base al grado prima che il trend ribassista emergesse.


Gravi problemi di offerta colpiscono PP fibra più della rafia

Le allocazioni limitate da parte dei fornitori tradizionali dell’Arabia Saudita, dell’Egitto e della Russia hanno rafforzato l’offerta corta dalla metà del primo trimestre. I player nelle regioni meridionali hanno confermato che stanno affrontando una grave carenza di PP fibra visti i volumi di importazione modesti e i ritardi di consegna, con uno di loro che ha detto, “Alcuni fermi impianto programmati di alcuni produttori dell’Arabia Saudita hanno esacerbato ulteriormente il problema”. Questo anche perché il produttore locale, Petkim, fornisce per lo più i gradi PP rafia, iniezione e non tessuto piuttosto che fibra.

Anche i dati di ChemOrbis riflettono la scena di offerta limitata per la fibra poiché gli aumenti cumulativi per questo prodotto hanno superato quelli della rafia. Le offerte della fibra di importazione saudita hanno iniziato a essere confermate o chiuse a $1250/ton CIF verso la fine della settimana, con i buyer che hanno confermato, “Il livello precedente di $1220/ton è scomparso poiché questi volumi limitati sono stati venduti velocemente”.

Nessun rapido sollievo all’orizzonte

Sebbene i tassi di nolo abbiano iniziato a mostrare una stabilizzazione e i costi di spedizione si siano stabilizzati in risposta alla pausa festiva delle attività di trading in tutta l’Asia, i player in Turchia continueranno a lottare con i problemi di disponibilità ancora per un po’.

Un produttore tessile ha detto, “Non abbiamo registrato un aumento della domanda dei derivati dai mercati di esportazione nonostante le precedenti speranze per una ripresa dell’interesse all’acquisto da parte degli utilizzatori finali europei per via della crisi della catena di approvvigionamento globale. Tuttavia, l’offerta limitata continua a creare difficoltà ai trasformatori in Turchia poiché i tempi di consegna dal Medio Oriente sono stati estesi fino a 60-70 giorni in alcuni casi”.

Sebbene diversi consumatori hanno riportato una domanda finale elusiva nel paese e all’estero, la disponibilità limitata di PP dovrebbe essere al centro della scena per un po’ ancora. Resta da vedere fino a che punto i buyer di PP riusciranno a trasferire i loro costi di resina visibilmente in aumento sui loro clienti nel prossimo termine. Tuttavia, la crisi potrebbe rimanere intatta fino a marzo o addirittura aprile.

Premio in Turchia rispetto alla Cina in ulteriore aumento

Nel frattempo, il crescente divario con il mercato di importazione cinese del PP continuerà a tenere i player sulle spine. Il premio della Turchia rispetto ai prezzi mediorientali in Cina ha raggiunto i $285/ton, il divario più grande da maggio 2022. Ciò è dovuto non solo ai differenziali di trasporto ma anche a un trend stabile di quest’ultimo a causa della debole domanda pre-festiva di carichi di importazione.

Un player in Turchia ha detto, “Le difficoltà logistiche sembrano aver impedito il flusso di materiale dai produttori cinesi di PP alla Turchia, nonostante l’apertura della finestra di arbitraggio. La mancanza di materiale potrebbe continuare a mantenere il mercato rialzista fino alla fine del primo trimestre mentre potremmo assistere ad alcune correzioni dei prezzi una volta che i carichi in ritardo inizieranno ad arrivare gradualmente. Il mercato cercherà di trovare una direzione con i problemi di offerta e l’aumento dei costi da un lato e l’avvicinarsi delle elezioni e il mese sacro del Ramadan dall’altro”.

Prova Gratuita
Login