Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato PVC Cina in attesa di nuove capacità nel 2018-2020

  • 27/11/2018 (12:20)
Nell’ultima parte di quest’anno e nei prossimi due, la Cina ha in programma di aggiungere circa 4.75 milioni di PVC alla produzione domestica. Oltre alle 400,000 ton/anno di nuove capacità avviate nella prima parte di quest’anno, altre tre nuove strutture saranno inaugurate a dicembre.

Tre impianti già avviati, altri tre avvii nel 2018

Nella prima parte di quest’anno, Shandong Xinfa e Shandong YuShe hanno avviato le nuove unità di PVC a base carbone con capacità rispettivamente di 50,000 ton/anno e 100,000 ton/anno. Anche l’unità di Shandong Rui Hen da 200,000 ton/anno è stata avviata all’inizio del 2018 e la nuova unità da 200,000 ton/anno dovrebbe essere avviata a dicembre.

Tra gli altri impianti che dovrebbero essere avviati quest’anno ci sono i due impianti di PVC della Shaanxi Beiyuan e della Shandong Lutai Chemical. The Le unità saranno in grado di produrre un totale di 250,000 ton/anno di PVC entro dicembre.

11 nuovi avvii programmati per il 2019 e altri 4 per il 2020

Per il 2019, fonti hanno riportato l’avvio anticipato di undici nuove unità di PVC a base carbone ed etilene. La nuova ondata di espansione dovrebbe far aumentare la capacità produttiva del paese di quasi 2.15 milioni ton/anno.

Le nuove strutture di PVC a base carbone comprendono l’unità da 200,000 ton/anno di Hebei Shenghua, l’unità da 160,000 ton/anno di Anhui Hua Su, l’unità da 200,000 ton/anno di Dezhou Shihua, l’unità da 200,000 ton/anno di Ningxia Jing Yu Yan, l’unità da 160,000 ton di Zhong Yan Ji Lan Tai, l’unità da 20,000 ton di Tangshan Shanyou e le due unità da 260,000 ton di Xinjiang Zhongtai.

Per quanto riguarda le nuove strutture di PVC a base etilene, Ju Long Petrochemical, Qingdao Haijing e Taizhou Liancheng avvieranno le nuove unità nella prima metà del 2019. Le tre strutture avranno una capacità complessiva di 950,000 ton/anno di PVC etilene.

Andando verso il 2020, Wu Hai Zhong Lian e Jin Hui Zhao Feng are hanno pianificato due nuove unità di PVC a base carbone con 500,000 ton/anno di capacità l’una. L’unità da 400,000 ton/anno di Pi Er Duo Shi e l’unità di PVC a base carbone di Yan Tai Wan con la stessa capacità saranno avviate nel 2020.

Quando la Cina diventerà esportatore netto, la pressione sui prezzi globali di PVC aumenterà?

Una volta completate, le nuove capacità faranno diventare la Cina un esportatore netto. Il paese ha già ridotto la forte dipendenza dalle importazioni dal 2012, tuttavia era ancora il secondo maggiore importatore di PVC al mondo nel 2017, con un totale di importazioni pari a quasi 1 milione ton, secondo i dati dell’International Trade Centre. Oltre alle nuove capacità, il surplus dell’offerta di PVC cinese potrebbe cercare dei mercati di esportazione in modo più aggressivo nei prossimi anni.

Esistono possibili ostacoli?

Tuttavia, alcune fonti hanno sottolineato che la pressione in crescita della Cina sulla produzione di PVC a base carbonio e le ispezioni ambientali più rigide potrebbero causare dei ritardi nell’avvio delle nuove capacità.

Inoltre, altri hanno indicato la domanda in crescita di materiale riciclato al posto dei polimeri vergini. Questo sarà un importante fattore da osservare durante l’avvio delle nuove capacità, considerando anche le nuove barriere commerciali.
Prova Gratuita