Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato PVC Turchia, vacilla trend rialzista più duraturo di sempre

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 15/01/2021 (12:09)
I continui problemi di offerta hanno dato filo da torcere ai player di PVC in Turchia nella seconda metà del 2020, con l’offerta corta che ha dato la spinta al trend rialzista più lungo di sempre per il paese. Di recente, alcuni sviluppi hanno lasciato intendere che il mercato potrebbe aver finalmente raggiunto il massimo.

Import PVC Prices – CIF Turkey

Venditori import tagliano aumenti per la prima volta in 8 mesi

Il mercato ha aperto anche il nuovo anno in rialzo, soprattutto da parte dei venditori. I costi in aumento delle materie prime e la disponibilità ancora limitata hanno continuato a dare supporto ai venditori a inizio gennaio. Allo stesso tempo, è cresciuta una resistenza tra i buyer verso le offerte pari o vicino ai massimi del mercato.

Un trasformatore che produce profili ha commentato “Non c’è modo di competere nei mercati dell’export perché stiamo pagando i prezzi più alti al mondo per la materia prima. Le offerte di PVC sono già state gonfiate per diverso tempo ormai. Il mercato potrebbe aver raggiunto il picco”.

Alcuni grossi trader hanno ammesso, “Il PVC K67 europeo ha toccato nuovi massimi di $1600/ton CIF Turchia o anche oltre. Tuttavia, questi livelli non sono attuabili perché alcuni buyer sono già coperti per ora e non sono più disposti a pagare prezzi gonfiati”.

Outlook dell’offerta migliora dopo la revoca delle FM dei grossi produttori di PVC

I produttori europei e statunitensi hanno avuto diverse interruzioni e fermi impianto, programmati e non, a partire dal terzo trimestre 2020 fino a oggi. La Turchia è stata tra quei mercati più colpiti dall’assenza dei maggiori importatori, in un momento in cui la crescita della domanda nel settore immobiliare ha portato a un’attività molto vivace nel business dei prodotti finiti.

Nel periodo compreso tra metà maggio 2020 e inizio gennaio 2021, il mercato del PVC k67 di importazione è aumentato di $910-920/ton (143-149%) a $1535-1545/ton rispetto ai minimi precedenti di $615-635/ton, come mostrato dai dati medi settimanali di ChemOrbis.

Tuttavia, l’offerta corta ha iniziato a migliorare gradualmente dalla fine del 2020, quando alcuni produttori di PVC hanno ripreso a offrire in Turchia, anche se solo volumi modesti. Anche se la disponibilità deve ancora tornare a livelli buoni, la notizia che la francese Kem One e la statunitense Westlake hanno finalmente revocato le forze maggiori sull’offerta di PVC a gennaio ha dato un po’ di sollievo al mercato.

L’attività leggermente più calma nei mercati dei prodotti finiti sembra essere un altro fattore che indebolisce il sentimento per i prossimi giorni. Secondo i dati dell’Istituto turco di statistica (TurkStat), le vendite di case sono crollate del 47.6% a dicembre rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Le vendite hanno seguito un trend ribassista da settembre dello scorso anno, dopo essere aumentate in modo costante nella maggior parte dell’anno.

Premio atipico della Turchia sull’Europa pesa sul mercato

Le previsioni di un miglioramento dell’offerta e i livelli di prezzo già sovrastimati in Turchia hanno indebolito le attese per febbraio. Secondo i dati di ChemOrbis, la media settimanale dei prezzi di PVC k67 esenti da dazio in Turchia ha un premio sull’Europa che supera i $300/ton.

In un mercato sano, l’Europa avrebbe un premio sulla Turchia, considerando che i mercati locali della regione commercializzano carichi in pronta consegna, includendo tutti i dazi applicabili e i costi di trasporto e consegna.

Rallentamento del trend rialzista in Asia frena il sentimento

Il mercato asiatico è stato in rialzo per quasi nove mesi, con una accelerazione degli aumenti soprattutto tra ottobre e dicembre dopo che le forzi maggiori negli USA e in Europa hanno esacerbato la situazione dell’offerta a livello globale.

Tuttavia, di recente, il trend rialzista ha perso forza nella regione dopo che un produttore di Taiwan ha optato per leggeri aumenti per la regione a febbraio, rispetto ai mesi precedenti. Le piogge inattese in India hanno avuto un ruolo particolarmente importante nello scenario recente perché hanno mitigato l’impatto dei tassi di nolo alle stelle e gli effetti delle attività di logistica limitate.

I player della Turchia ritengono che il rallentamento degli aumenti in Asia in vista del Capodanno cinese in Cina potrebbe influire anche sui maggiori mercati globali. Un player ha osservato “Ci aspettiamo che l’offerta da Europa e USA migliori il mese prossimo. In particolare i produttori europei dovranno restringere il gap tra i prezzi per i loro mercati e quelli per le destinazioni dell’export, prima di tutto con la Turchia”.

Una volta che i tassi di nolo scenderanno, i prezzi di PVC in Turchia inizieranno a vedere delle revisioni in ribasso e delle offerte competitive dall’Asia potrebbero emergere nel paese, secondo alcuni buyer.

Prova Gratuita
Login