Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato europeo PP fa un passo indietro sulle offerte di luglio

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 20/07/2020 (11:00)
I venditori europei di PP hanno fatto un passo indietro rispetto alle richieste iniziali di aumento in linea con l’incremento del propilene. La domanda bassa è stata indicata come il fattore principale dietro alla correzione delle richieste poiché i buyer hanno resistito a pagare l’intero incremento del monomero. Le trattative del PP di luglio riflettono aumenti di €40-70/ton a seconda del grado e di livello di partenza.

Domanda resta disomogenea, pre-buying frena interesse all’acquisto

Il sentimento del mercato è misto, tra diverse visioni sullo stato della domanda. La domanda di packaging è andata bene dall’inizio della pandemia mentre le fonti di mercato hanno notato un rallentamento dopo il picco durante il lockdown. Un buyer ha riportato di aver acquistato con leggeri aumenti grazie al recente rallentamento della domanda nel settore del packaging.

Dall’altra parte, la domanda nel settore dell’automotive è rimasta insoddisfacente anche dopo che gli impianti hanno ripreso le attività, in linea con le misure di allentamento.

Un compoundatore ha riportato “Non c’è un recupero visibile nel settore dell’automotive. Di conseguenza, non abbiamo portato la produzione a tassi completi. Possiamo operare al 75% della capacità grazie alla domanda relativamente migliore del packaging”.

I player hanno riportato che le attività di pre-buying dei buyer hanno reso difficile l’assorbimento dell’intero incremento dei costi delle materie prime.

Edilizia supporta applicazioni per arredamento

Tuttavia, un trasformatore ha osservato un lieve incremento nel settore edile in linea con la riapertura dei cantieri e dei negozi in Europa. Secondo i dati ottenuti da Eurostat, la produzione destagionalizzata nel settore costruzioni dell’area euro è cresciuta del 27.9% a maggio.

Questo ha avuto un impatto indiretto anche sulle applicazioni per la produzione di mobili, secondo i player.

Un trasformatore che produce articoli da giardino ha visto una buona domanda di prodotti finiti per motivi legati alla stagionalità, affermando “Abbiamo pagato aumenti di €65/ton per il PP perché abbiamo ricevuto un buon numero di ordini. Stiamo valutando se fare del pre-buying o no”.

Emergono prime attese per agosto

La maggior parte dei player si aspetta un trend stabile ad agosto, considerando che la pausa estiva frenerà l’interesse all’acquisto perché i trasformatori chiuderanno le linee per 2-3 settimane. Le ferie sono già iniziate nella parte settentrionale della Germania, come riportato da un trader. Tuttavia, i fornitori di PP puntano a evitare cali, indicando i prezzi ancora bassi.

Anche se è ancora preso per fare delle previsioni, alcuni player si aspettano leggeri aumenti di €30/ton sul prossimo contratto del propilene.

Secondo il Price Wizard di ChemOrbis, i prezzi spot del propilene su base FD NWE hanno raggiunto i livelli più alti da circa metà marzo.

Anche i mercati del petrolio sono monitorati da vicino. Si monitorano infatti i movimenti del petrolio dopo che l’OPEC+ ha deciso di ridurre i tagli alla produzione ad agosto. Intanto, il recente incremento dei casi di COVID-19 potrebbe gettare un’ombra sul processo di normalizzazione.

“Poiché le condizioni del mercato potrebbero non supportare degli aumenti nel breve termine, ci aspettiamo un trend stabile ad agosto. I buyer stanno acquistando solo su necessità”, ha osservato un trader.
Prova Gratuita
Login