Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Mercato import PE Turchia pronto a invertire il trend a dicembre

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 19/11/2021 (11:50)
I player di polietilene in Turchia hanno iniziato a esprimere le proprie aspettative per l’ultimo mese del 2021. Un numero crescente di player è convinto che i mercati scenderanno dai massimi di diversi mesi a causa della domanda poco promettente così come dei problemi relativamente minori legati all’offerta.

L’outlook più debole è stato alimentato anche da una serie di altri fattori, tra cui la calma di fine anno, la bassa stagione invernale e un’economia domestica cupa.

Allo scenario ribassista si è aggiunto il premio crescente sul mercato di importazione della Cina. I prezzi in Cina sono diminuiti in seguito a una stabilizzazione di breve durata a causa della domanda esitante, dei future del Dalian in calo e dei prezzi in diminuzione dell’etilene in tutta l’Asia. I dati di ChemOrbis suggeriscono che il premio della Turchia su questo mercato è cresciuto fino a $300-450/ton a seconda del prodotto.

Sentimento ha affrontato impatto PP debole

Il mercato del PPH ha visto delle correzioni in ribasso in Turchia dall’inizio di novembre, dato che i venditori hanno ceduto al calo della domanda. La forte svalutazione della lira turca rispetto ai suoi omologhi ha colpito particolarmente le imprese locali, dato che i player del settore hanno già affrontato l’aumento dei costi delle utenze, le pressioni inflazionistiche e la domanda finale scarsa.

Non ci è voluto molto perché il PE rispondesse dato che il mercato locale ha mostrato i primi segnali di un leggero calo verso la metà del mese. Molti player hanno concordato, "I prezzi in ribasso del PP hanno inevitabilmente gettato un’ombra sull’outlook del PE".

Import Middle Eastern Prices – LDPE – LLDPE – HDPE – CIF Turkey

Attività interrotta per crollo della lira

Il 12 novembre il cambio USD/lira ha superato la soglia di 10 e da allora è rimasto al di sopra di questo livello. La lira turca è crollata circa del 42.5% dall’inizio del 2021. Inutile dire che la continua svalutazione della lira ha notevolmente ridotto l’attività di trading per tutti i polimeri, compreso il PE, nelle ultime settimane.

I consumatori di PE, che servono principalmente i mercati domestici, stanno lottando per adattarsi ai nuovi massimi della valuta USD/lira, mentre il potere d’acquisto si è ridotto in modo significativo.

Oltre a un quadro economico desolante, la calma di fine anno incombe su molti player che stanno programmando la gestione delle chiusure dei portafogli ordini. "Pensiamo che la domanda di esportazione dall’Europa e dagli USA sarà tiepida nel breve termine considerando l’avvicinarsi delle ferie natalizie. Non abbiamo intenzione di fare scorte per il nuovo anno", ha affermato un produttore di packaging.

Dimensione possibili cali in discussione

Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, i rialzi di novembre hanno portato i prezzi del PE di importazione ai massimi livelli degli ultimi 6 mesi.

La previsione per dicembre prevede inizialmente un calo di $60-70/ton da parte dei normali fornitori di PE. I trader sostengono, "I continui problemi di spedizione su tutta la linea potrebbero limitare in parte il calo”. I player prevedono meno pressione sui gradi dell’HDPE, affermando che l’offerta è relativamente modesta.

Alcuni altri player, tuttavia, prevedono che i prezzi potrebbero subire riduzioni maggiori. Indicano un premio crescente sulla Cina, un allentamento dei tassi di nolo rispetto al picco di settembre e la possibile pressione dai carichi americani competitivi per giustificare la propria previsione.

“Se i carichi USA pesano ulteriormente su LDPE e LLDPE e il produttore domestico Petkim non può aumentare le esportazioni verso l’Europa, il mercato potrebbe assistere a notevoli cali. Non escludiamo la possibilità di vedere altri carichi europei in Turchia considerando il cambio €/USD favorevole", ha affermato un player. Il cambio euro/dollaro è sceso a circa 1.13 rispetto a 1.16 delle settimane precedenti.
Prova Gratuita
Login