Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Offerta modesta spinge prezzi PVC sui massimi di almeno 5 mesi in Turchia

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 02/02/2024 (12:26)
Il mercato del PVC di importazione ha iniziato febbraio con un trend rialzista poiché i persistenti problemi logistici legati all’interruzione nel Mar Rosso hanno spinto i costi di spedizione in rialzo e hanno aiutato i venditori di resina a ritrovare la fiducia nonostante i mercati dei derivati calmi. A fornire un vantaggio ai fornitori sono stati anche la riduzione dei volumi ex-USG e i lievi aumenti dei prezzi nella maggior parte dei mercati asiatici prima della festività del Capodanno cinese.

Secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis, i mercati del PVC K67 di importazione hanno raggiunto i loro livelli massimi da settembre 2023.

CIF Türkiye – PVC K67 – Import Prices

Offerta limitata apre la strada per offerte americane in rialzo

Il range del PVC K67 tassabile si è attestato in rialzo di $20-30/ton rispetto alla scorsa settimana a $810-830/ton su base CIF, soggetto a dazi applicabili. Il range è costituito dalle nuove offerte americane, per le quali i prezzi sono aumentati oltre gli $800/ton, a causa della ridotta disponibilità da parte di alcuni produttori. Ciò è stato in linea con un numero limitato di offerte in Egitto e in Asia per questa origine.

Alcune trattative sono state anche confermate a o chiuse sui minimi del range, anche se dai trader. Nel frattempo, i buyer hanno riferito di aver sentito idee di vendita in rialzo a $850/ton su base CIF dai loro fornitori, aggiungendo che vorrebbero cercare di ottenere alcuni sconti prima di concedere una transazione.

K67 europeo tocca i $900 CIF per volumi export modesti

Il range del PVC K67 esente da dazio è aumentato di $30-50/ton rispetto alla scorsa settimana per attestarsi a 860-900/ton su base CIF Turchia, cash. I carichi egiziani per le spedizioni di fine febbraio/marzo hanno indicato ulteriori aumenti di prezzo rispetto alle transazioni di gennaio dopo che alcune trattative sono state concluse a $850/ton all’inizio di questa settimana.

I produttori europei hanno approcciato il mercato con aumenti mensili fino a $80/ton con prezzi a $880-900/ton su base CIF. “I mercati del PVC europeo sono rimasti sotto la pressione di una domanda calma nonostante la disponibilità di importazione limitata. Inoltre, i venditori non sono riusciti ad aumentare i prezzi nei loro mercati e infatti hanno applicato aumenti di prezzo nelle loro destinazioni di esportazione”, ha commentato un trasformatore.

I prezzi di esportazione dall’Europa sono aumentati in linea con le interruzioni della catena di approvvigionamento globale che ha colpito i mercati del Mediterraneo e dell’Asia. Tuttavia, questi prezzi sono stati per lo più alla pari con i minimi dei range spot nei mercati locali della regione. Questo spiega perché i fornitori sono meno motivati a esportare i loro carichi a meno che i prezzi non vedano aumenti visibili in altri mercati, tra cui la Turchia.

Domanda aumenta in una certa misura per trend rialzista

Alcuni consumatori di PVC sembrano disposti a sostituire alcune scorte ora che le dinamiche della domanda e i costi in aumento hanno spinto il mercato ai massimi di diversi mesi. “I minimi del range precedenti stanno scomparendo mentre potremmo considerare di acquistare un po’ di resina nei prossimi giorni”, ha detto un produttore.

Una mancanza di prezzi competitivi dall’Estremo Oriente per via dei costi di spedizione in aumento e della pausa festiva, insieme ai carichi scarsi dal vicino Egitto, mantiene l’outlook a breve termine rialzista dalla parte dei venditori. Nel frattempo, il mercato potrebbe vedere un “braccio di ferro” fra venditori e buyer poiché i consumatori pensano di negoziare con i loro fornitori per pagare aumenti minori.

“I venditori si lamentano dei loro margini ridotti da molto tempo ormai, mentre probabilmente manterranno la loro posizione rialzista per recuperare i cali precedenti. I buyer potrebbero essere convinti a sostituire alcune scorte per proteggersi da ulteriori aumenti maggiori. Tuttavia, crediamo che la domanda calma dei derivati possa tenere gli aumenti sotto controllo”, ha affermato un player.

Prova Gratuita
Login