Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Offerte PE riviste in calo per interesse all’acquisto debole in Europa

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 21/03/2024 (11:45)
In Europa, i venditori di PE hanno ceduto alla pressione dovuta al deterioramento delle condizioni della domanda con l’avvicinarsi di aprile. Dopo aver annunciato le offerte iniziali di marzo con aumenti superiori ai costi nel tentativo di recuperare i loro margini, i venditori regionali non sono riusciti a realizzare buone vendite. Ciò è stato dovuto al fatto che i buyer hanno limitato i nuovi acquisti, citando le scorte esistenti e il consumo dei derivati contenuto.

Emergono rollover nella 2ª metà di marzo

I trader che avevano scorte hanno diminuito ulteriormente le loro offerte per concedere rollover rispetto a febbraio o anche lievi cali. Tuttavia, la recente mossa dei venditori ha visto una risposta tiepida da parte dei buyer, che sono rimasti scettici circa l’outlook di aprile.

Un trader regionale ha sottolineato, “I rollover sono ampiamente citati a causa dello stato di deterioramento della domanda. Alcuni venditori hanno anche testato il mercato con prezzi in calo, ma senza alcun risultato. È difficile vendere i carichi poiché i buyer sono coperti e si aspettano di vedere cali”.

I prezzi sono diminuiti sotto certe soglie dopo aver subito correzioni in ribasso rispetto ai livelli di inizio marzo. Di conseguenza, i prezzi in Italia si sono attestati a €1330-1420/ton per l’LDPE film, a €1230-1330/ton per l’LLDPE C4 film, a €1260-1370/ton per l’HDPE film e a €1250-1350/ton per l’HDPE b/m, tutti su base FD, pagamento differito a 60 giorni. I recenti livelli di prezzo hanno indicato cali di €20-70/ton rispetto ai livelli di inizio marzo in base al grado.

In Nord Europa, i prezzi si sono attestati a €1330-1430/ton per l’LDPE film, a €1280-1370/ton per l’LLDPE C4 film, a €1270-1370/ton per l’HDPE film e a €1250-1350/ton per l’HDPE b/m con gli stessi termini, attestandosi in calo di €20-80/ton rispetto ai livelli di inizio marzo.

Buyer diffidano dei cali

I buyer sono rimasti inattivi in previsione di un calo dei prezzi il mese prossimo. Poiché hanno considerato marzo come l’ultimo mese di aumenti, hanno coperto i loro bisogni a gennaio e febbraio, mantenendo i volumi di acquisto trascurabili finora questo mese. Attualmente, le aspettative stabili sembrano essere state sostituite da aspettative in calo per aprile a causa della domanda debole e del miglioramento dell’offerta.

Un produttore di packaging in Italia ha commentato, “Abbiamo ricevuto prezzi in rialzo all’inizio del mese ma le offerte recenti sono state riviste in ribasso. I venditori hanno applicato cali”.

Nel frattempo, un altro trasformatore ha riferito di aver acquistato materiale extra-europeo a livelli competitivi, con consegna a metà aprile. Ha ulteriormente aggiunto, “I prezzi del PE potrebbero rimanere stabili fino a metà aprile e poi iniziare a diminuire fino a giugno. Le importazioni in arrivo peseranno sul mercato, per non parlare della domanda di base debole”.

Costi del monomero daranno qualche supporto?

I produttori potrebbero approcciare il mercato con aumenti il mese prossimo poiché il contratto dell’etilene dovrebbe chiudere leggermente in rialzo per via dei prezzi elevati della nafta e dei future del petrolio Brent che si sono attestati in rialzo oltre $85/bbl. Tuttavia, le richieste iniziali di aumento dovrebbero essere riviste in calo e i prezzi stabilizzarsi, con la domanda che non mostra segni di ripresa ad aprile.

Resta da vedere se i tentativi dei produttori di mantenere le loro offerte daranno i loro frutti nella prima metà di aprile. I prezzi competitivi nel mercato della distribuzione e le voci per un’imminente inversione del trend peseranno ulteriormente sulla domanda, per non parlare dell’arrivo previsto dei carichi di importazione in ritardo.

Prova Gratuita
Login