Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Offerte PS in calo in Turchia per costi e interesse all'acquisto debole

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 05/08/2016 (17:33)
I fornitori di PS in Asia hanno annunciato prezzi in rialzo per il mercato dell’import in Turchia la scorsa settimana. Tuttavia, i costi in calo delle materie prime e lo scarso interesse all’acquisto hanno obbligato i fornitori ad applicare degli sconti sugli annunci iniziali questa settimana.

I prezzi in calo sono arrivati insieme alle riduzioni viste nel mercato del PS di importazione in Cina, sotto pressione per i costi di produzione bassi, nonostante i prezzi di petrolio e stirene abbiano mostrato un rimbalzo alla fine della settimana.

I prezzi di PS dall’India sono in calo di $70-80/ton a $1150-1180/ton per GPPS, mentre l’HIPS è diminuito di $70-100/ton a $1200-1230/ton, CIF Turchia, dazio del 3%, cash. Un agente di una fonte indiana ha commentato "Non siamo ottimisti sull’outlook per il breve termine, perché la domanda è scoraggiante e i prezzi competitivi dall’Iran pesano sul mercato".

Le origini coreane esenti da dazio hanno registrato diminuzioni di 10-20/ton per GPPS e di $20-50/ton per HIPS sulla settimana. Le offerte si attestano a $1220/ton per GPPS e a $1220-1270/ton per HIPS, CIF, cash. Un trader ha riportato "Abbiamo ottenuto sconti di $20/ton dal nostro fornitore e rifornito in parte le scorte. Non ci aspettiamo di vedere delle diminuzioni di prezzo, ma i problemi finanziari delle società potrebbero diventare più visibili a fine anno e siamo preoccupati".

Un altro produttore sudcoreano ha ritirato le richieste di aumento di $30/ton e ha concesso un rollover sull’HIPS, secondo un trader, che ha osservato "Ci siamo impegnati con pochi carichi, considerando la domanda mediocre in Turchia".



Fonte: ChemOrbis Price Index

I produttori di PS sono in attesa in questi giorni, alcuni di loro lamentano un calo dell’attività con l’export a causa del tentativo di golpe avvenuto in Turchia a metà luglio. I problemi di riscossione dei pagamenti e le limitazioni della liquidità ostacolano le attività, mentre alcuni venditori sperano di vedere un incremento della domanda dopo la festa di Eid a settembre.
Prova Gratuita
Login