Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Offerte aggressive di PE USA ricompaiono nei mercati globali nel quarto trimestre dopo 2 anni

di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 14/11/2022 (13:08)
Con il 2022 che giunge al termine, i player di Asia, Europa e Medio Oriente hanno riferito di aver ricevuto offerte competitive di PE statunitense, ben al di sotto dei livelli di mercato prevalenti. Di recente, il tradizionale destoccaggio di fine anno sembra essere iniziato, cosa che non era avvenuta nel 2021 e nel 2020 a causa delle incessanti interruzioni dell’offerta.

Il PE statunitense di solito inonda i mercati globali nell’ultimo trimestre come parte delle attività di destoccaggio di fine anno. L’afflusso di offerta di PE statunitense è stato molto evidente, in particolar modo nel 2018, dopo l’avvio di enormi capacità negli Stati Uniti. Le esportazioni di PE statunitense hanno toccato un record nel 2020 con oltre 10 milioni di tonnellate, nonostante la produzione fosse stata ampiamente colpita dalla stagione degli uragani nell’ultimo trimestre. Se non fosse stato per questo, la crescita sarebbe stata di gran lunga superiore. L’anno successivo la crescita delle esportazioni si è bloccata ed è addirittura diminuita del 17% a seguito di analoghe interruzioni della produzione causate da tempeste polari e uragani, e dai problemi logistici durante il 2021.

Quest’anno, i dati di gennaio-settembre mostrano già che le esportazioni si sono avvicinate a 8 milioni di tonnellate, quasi raggiungendo il totale dell’anno scorso. A differenza degli ultimi due anni, quando il PE statunitense non ha inondato i mercati globali con prezzi aggressivi nel quarto trimestre, quest’anno le esportazioni statunitensi sembrano essere aumentate nel mese di ottobre e in modo particolare in quello di novembre, considerando la mancanza di produzione e le tensioni logistiche. Quindi, non sarebbe una sorpresa vedere le esportazioni di PE statunitense superare il record del 2020 e raggiungere un nuovo massimo storico entro la fine del 2022.


Inutile dire che il PE statunitense si dirige verso il Nord e il Sud America come destinazioni principali, con il Messico che detiene una quota di poco superiore al 17% e il Canada del 9% delle esportazioni complessive nel periodo gennaio-settembre 2022. E per quanto riguarda il resto del mondo? A quali prezzi vengono offerti i carichi di PE statunitense in Asia, Europa e Medio Oriente? Scorri verso il basso per saperne di più!

US – PE – Exports

Cina, USA offrono vantaggio competitivo, ma in modo limitato

La Cina, il più grande buyer di PE del mondo, è stata la terza più grande destinazione delle esportazioni di PE statunitense nei primi nove mesi di quest’anno, con una quota complessiva del 9%.

Le offerte di PE statunitense recentemente sono arrivate in Cina a prezzi competitivi , formando i minimi dei range complessivi a $970/ton per l’LDPE e a $860-870/ton per l’LLDPE e l’HDPE film, su base CIF, cash. Tuttavia, il gap tra gli Stati Uniti e le altre origini principali non è ampio, con offerte statunitensi inferiori di solo $20-30/ton, cosa che non accade nel resto dei mercati globali.

Europa, offerte USA inferiori di €100-200 rispetto alle origini locali

Il Belgio, hub europeo per le importazioni, ha rappresentato poco più dell’8% delle esportazioni di PE statunitense tra il primo e il terzo trimestre dell’anno, posizionandosi al quarto posto nell’elenco delle principali destinazioni di esportazione.

La scorsa settimana, i player europei hanno riportato offerte statunitensi inferiori di €100-200/ton rispetto alle origini europee con spedizione a novembre e consegna a dicembre o gennaio. Nonostante il calo dei mercati regionali, l’Europa è ancora ben al di sopra del resto del mondo e attira gli esportatori globali.

Un importante trader ha venduto LDPE a €1460-1470/ton FD Olanda, mentre le trattative sono state concluse a €1180/ton per l’HDPE b/m e €1200/ton per l’LLDPE film su base DDP Olanda (inclusi tutti i costi). Questi livelli sono inferiori di almeno €100/ton rispetto ai minimi delle origini locali europee.

Allo stesso modo, la scorsa settimana l’LDPE statunitense è comparso in Italia a €1300/ton FD (con consegna a dicembre) mentre le offerte di LDPE europeo e non europeo si attestano a €1450-1550/ton

Sud-est Asiatico, offerte USA riaffiorano e aumentano la concorrenza

La Malesia e Singapore si sono posizionate rispettivamente al sesto e all’ottavo posto delle esportazioni di PE statunitense nei primi tre trimestri, e insieme rappresentano più del 7% delle esportazioni complessive.

La scorsa settimana, i player hanno riportato offerte di HDPE e LLDPE film statunitense a $900/ton CIF SEA, che formano i minimi dei range complessivi e sono inferiori di $50-90/ton rispetto alle origini mediorientali, anche se hanno riscontrato scarso interesse.

I mercati del PE del Sud-est Asiatico hanno già dovuto fare i conti con una domanda ridotta e offerta sufficiente dato che i venditori del Medio Oriente, del Sud-est Asiatico e della Corea sono in competizione per le quote di mercato e le riesportazioni cinesi.

Turchia, LLDPE statunitense anche sotto i €1000/ton CIF

Come nel resto del mondo, le offerte di PE statunitense hanno formato i minimi dei range complessivi anche in Turchia, che dopo la Spagna è stata la decima destinazione nel periodo gennaio-settembre 2022.

La scorsa settimana, i player in Turchia hanno confermato offerte di LLDPE, HDPE film e b/m a $1020-1050/ton CIF, cash, soggette a dazi del 6,5% per le spedizioni di dicembre, con un prezzo inferiore di $40-80/ton rispetto alle origini principali, mentre ci sono voci di offerte statunitensi a circa $1000/ton CIF per le spedizioni successive.

Inoltre, secondo alcuni player le offerte di LLDPE potrebbero attestarsi anche al di sotto della soglia dei €1000/ton. Anche se queste informazioni non sono state confermate al momento della pubblicazione, i calcoli basati sul netback in Cina indicano che le offerte di HDPE e LLDPE statunitense hanno teoricamente un ampio margine per scendere fino ai $930-950/ton CIF Turchia.
Prova Gratuita
Login