Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Outlook domanda di petrolio offuscato da preoccupazioni in Cina

di Başak Ceylan - bceylan@chemorbis.com
  • 22/11/2022 (12:35)
I prezzi del petrolio hanno registrato il loro secondo calo settimanale consecutivo la scorsa settimana, scendendo di circa il 9-10% sulla settimana a causa di segnali preoccupanti per una ripresa delle preoccupazioni per il Covid-19. Mentre l’outlook per la domanda di petrolio si è oscurato a seguito di questa notizia, l’attenzione si è rivolta sull’offerta, dove i tagli dell’OPEC + e l’imminente embargo dell’UE sulle importazioni di petrolio e prodotti petroliferi russi rimangono in primo piano.

Petrolio termina la scorsa settimana con un calo del 10%

Il petrolio West Texas Intermediate con consegna a dicembre è sceso ai minimi da fine settembre venerdì scorso, diminuendo del 10% sulla settimana. Anche il petrolio Brent di gennaio su ICE Futures Europe è sceso ai minimi da fine settembre venerdì, con un calo di quasi il 9% sulla settimana.

Mercati crollano con l’aumento dei contagi in Cina

La scorsa settimana, a guidare il mercato è stato l’aumento delle preoccupazioni sulla domanda, in gran parte a causa della politica zero-Covid nel più grande importatore di petrolio del mondo.

Fonti dei media hanno riferito di "un aumento di sette volte" dei contagi nelle ultime due settimane in diverse aree della Cina. Secondo quanto riferito, il Consiglio di Stato ha esortato le autorità locali a evitare "allentamenti irresponsabili" delle misure mentre il paese affronta la sua più forte ondata di Covid-19 degli ultimi sei mesi.

Solo una settimana fa la Cina ha allentato le sue norme anti-Covid. Tuttavia, il primo decesso di Covid negli ultimi sei mesi nella capitale Pechino ha portato i funzionari locali a tornare immediatamente a un lockdown, che includeva la chiusura delle scuole in diversi distretti di Pechino e l’invito ai residenti a rimanere a casa.

Petrolio scende nel trading di lunedì sulle ipotesi di aumento della produzione OPEC

Mentre gli investitori di mercato stavano valutando l’inasprimento delle restrizioni Covid a causa dell’aumento dei contagi in Cina, il petrolio Brent si è aggirato su $86/bbl, mentre il WTI con consegna a dicembre è sceso sotto gli $80/bbl durante il trading infragiornaliero di lunedì.

Sebbene le notizie che ipotizzavano un aumento della produzione da parte dell’Arabia Saudita e di altri produttori di petrolio dell’OPEC abbiano portato il petrolio Brent sotto gli $83/bbl lunedì, la smentita dall’Arabia Saudita ha aiutato i prezzi del petrolio a recuperare alcune delle perdite subite all’inizio della sessione.

Goldman Sachs riduce le previsioni petrolifere

Le preoccupazioni riguardanti la domanda di petrolio dalla Cina hanno anche spinto Goldman Sachs ad abbassare le previsioni sul prezzo del petrolio questa settimana. La banca d’investimento statunitense ha ridotto le previsioni di $10 a $100/bbl per il quarto trimestre del 2022, citando l’aumento dei casi in Cina.

Goldman Sachs ha anche parlato dell’offerta, evidenziando "una mancanza di chiarezza sull’applicazione del tetto massimo del G7". I leader delle principali economie occidentali del mondo avevano concordato il tetto al prezzo del petrolio a settembre, con i dettagli finali della sua attuazione ancora in fase di finalizzazione.

Outlook dell’offerta determinato dai tagli dell’OPEC+, dall’embargo UE

Il lato dell’offerta rimane sfocato poiché i trader non sono ancora sicuri di quanto petrolio russo scomparirà dal mercato una volta che l’UE vieterà le importazioni di petrolio della Russia a partire dal 5 dicembre e dei prodotti petroliferi dal 5 febbraio.

Resta da vedere anche l’offerta dell’OPEC+ nelle prossime settimane, mentre gli investitori cercano di valutare di quanto verrà diminuita la produzione dopo l’annuncio di una riduzione di 2 milioni di barili.

Fonti dei media hanno citato il tracker Petro-Logistics, secondo cui le esportazioni OPEC sono state significativamente inferiori nella prima metà del mese, il che suggerisce che il cartello sta effettivamente rispettando il taglio della produzione concordato il 5 ottobre.
Prova Gratuita
Login