Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

PE USA emerge a prezzi aggressivi a livello globale, in risposta a crollo del petrolio

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 27/03/2020 (12:25)
I maggiori mercati europei di PE a livello mondiale non sono stati toccati dal collasso dei prezzi del petrolio nelle ultime due settimane. La ragione principale dietro questa reazione sono stati i forti disagi della logistica a livello globale. Inoltre, le misure severe adottate contro la pandemia di COVID-19 hanno portato a un aumento dei tassi di nolo, sfidando il crollo dei future del petrolio.

PE americano in calo solo del 2% da gennaio fino a questa settimana

I fornitori statunitensi di PE hanno aperto il 2020 in rialzo a causa della mancanza di pressione dalle scorte, dopo aver abbassato i grossi volumi di scorta nel quarto trimestre 2019.

I venditori americani hanno applicato graduali aumenti nei primi mesi dell’anno. Questo prima che il sentimento cambiasse nella seconda metà di febbraio, a causa dell’epidemia di coronavirus che ha colpito prima la Cina e poi almeno altre 170 nazioni.

Inoltre, i future del petrolio hanno registrato il calo più forte degli ultimi trent’anni il 9 marzo a causa della guerra sui prezzi del petrolio tra Arabia Saudita e Russia.

Questo ha spinto in ribasso i mercati delle commodity, portando anche a un calo senza sosta dei prezzi di nafta ed etilene a livello globale da inizio marzo. I prezzi spot della nafta hanno toccata il livello minimo in Asia ed Europa da inizio 2008, quando ChemOrbis ha iniziato a raccogliere i dati su base settimanale. I prezzi in calo del petrolio hanno limitato la concorrenza di PE americano e dal Medio Oriente nei confronti dei loro competitor.

Tuttavia, i produttori americani di PE hanno reagito in modo piuttosto mite al crollo del petrolio fino ad ora, in parte supportati dalle interruzioni alla logistica . Nel Sudest Asiatico e in Turchia, le offerte di LLDPE e HDPE film dagli USA sono diminuite del 2% in tutto rispetto all’inizio dell’anno, mentre l’LDPE non ha registrato alcun cambiamento.

Cali su LLDPE superano altri gradi nel SEA, HDPE film vede cali più forti in Turchia

Tuttavia, i prezzi del PE americano hanno registrato diminuzioni molto maggiori nei principali mercati, come Sudest Asiatico, Turchia, Egitto e Africa questa settimana, scendendo sotto la soglia degli $800/ton CIF in Turchia e SEA. Queste offerte hanno dato un’alternativa competitiva alle regioni sopra menzionate perché formano i minimi dei mercati di importazione.

Come si può vedere dalla Fotografia Prodotto di ChemOrbis qui sotto, i prezzi di PE americano sono diminuiti di $20-50/ton o di 2-6 punti percentuali nel Sudest Asiatico, con i cali maggiori visti sull’LLDPE c4 film sulla settimana. La Turchia ha registrato un calo di $45-65/ton o del 3-8% nello stesso periodo. I gradi di HDPE, soprattutto l’HDPE film (circa l’8%) hanno visto le diminuzioni più forti tra i carichi USA.



*Clicca il tasto destro per visualizzare l’immagine a schermo intero in un’altra scheda

Offerte PE dagli USA pesano su Egitto, Africa

Allo stesso modo, i prezzi di HDPE film e LDPE film dagli USA pesano sul mercato egiziano perché quotati al di sotto degli $800/ton e $900/ton, rispettivamente, su base CIF Alessandria. I prezzi di LDPE sono ai minimi degli ultimi undici anni, secondo i dati di ChemOrbis.

Guardando al nord Africa, i buyer del Libano hanno confermato di aver ricevuto le offerte di LDPE, LLDPE e HDPE film americano a livelli competitivi, mentre prezzi competitivi di HDPE dagli USA sono stati riportati anche in Algeria.

In Sudafrica, i carichi di LDPE, LLDPE e HDPE dall’America sono stati commercializzati con uno sconto di oltre $100/ton per i carichi di importazione questa settimana.

Scorte in aumento negli USA influiranno su trend di aprile

I player di PE si aspettano ulteriori cali dagli USA nei prossimi giorni. I fornitori saranno sotto pressione per le scorte in crescita a causa delle nuove capacità attive dal 2017.

Questo anche a causa del fatto che la domanda è stata debole negli ultimi due mesi in Asia ed Europa. Oltre ai principali mercati europei, molte nazioni comprese Malaysia e India sono ora in isolamento e questo ha colpito le produzioni di derivati. Inoltre, l’attività in Cina deve ancora tornare a crescere, nonostante la ripresa.
Prova Gratuita