Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

PVC Europa tocca massimi quasi 16 mesi per offerta corta

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 07/10/2020 (14:01)
I venditori di PVC in Europa hanno affrontato il mercato con aumenti di circa €60-80/ton nonostante il contratto dell’etilene di ottobre in leggero calo per recuperare i margini, sostenuti dall’offerta corta. Aumenti di almeno €50/ton dovrebbero essere accettati considerando le difficoltà nel trovare volumi sufficienti, hanno affermato i venditori.

Secondo il Price Index di ChemOrbis, gli aumenti di ottobre hanno spinto i prezzi del PVC hai massimi di più di un anno su media settimanale. I prezzi spot del K67-68 in Italia e Nord Europa si attestano ai massimi livelli da metà giugno 2019, hanno mostrato i dati.



L’aumento del PVC è stato rafforzato dai problemi di produzione nella regione. I produttori non riescono a fornire volumi aggiuntivi a causa delle chiusure per manutenzione mentre la forza maggiore di Inovyn è ancora in atto.

I player hanno affermato che sono state limitate le allocazioni per i buyer nel mercato a contratto, mentre i fornitori hanno ordini arretrati da soddisfare una volta che l’offerta non è più così limitata dopo la fine delle manutenzioni. I livelli delle scorte da parte dei produttori sono abbastanza bassi dato che hanno cercato di soddisfare la domanda considerando l’assenza delle fonti regolari. La priorità dei produttori europei è stata quella di soddisfare le richieste dei buyer regionali.

I player non si aspettano di vedere un miglioramento dell’offerta durante ottobre dato che i buyer fanno fatica a trovare anche il materiale di importazione, specialmente dagli USA. Un player ha affermato, “Novembre potrebbe essere più bilanciato in termini di domanda e offerta”.

Gli aumenti del PVC sono per lo più dettati dall’offerta corta, mentre una buona domanda per il settore tubi e profili ha anche aiutato a spingere i prezzi di PVC in rialzo. Anche se il settore automotive è ancora calmo, la domanda per i compound dovrebbe migliorare a ottobre.

Tuttavia, non tutti i buyer stanno acquistando attivamente come a settembre, quando alcuni avevano deciso di non acquistare materiale in più rispetto alle proprie esigenze nel tentativo di non pagare le richieste di aumento.

Un produttore di cavi ha affermato, “I consumi sono più bassi nono solo per la stagionalità ma per le incertezze. È difficile fare passare i costi in rialzo sui prezzi dei prodotti finiti. I buyer stanno mostrando resistenza ai prezzi in rialzo del PVC e sperano di vedere una stabilizzazione nei prossimi mesi a seconda dei livelli dell’offerta”.
Prova Gratuita
Login