Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

PVC asiatico vede ripresa netta nel 2° trimestre, cosa porterà il Q3?

di Merve Sezgün - msezgun@chemorbis.com
  • 25/06/2020 (11:45)
I prezzi del PVC di importazione nei mercati asiatici sono crollati ai minimi di oltre dieci anni a fine aprile-inizio maggio, dopo diverse settimane di forti cali. I prezzi sono rimbalzati da allora e hanno recuperate più della metà di quanto perso durante il declino.

Con la fine del secondo trimestre alle porte, il sentimento rialzista per il PVC continua a essere supportato da diversi fattori rialzisti. Tuttavia, i player sono ora divisi sull’outlook per il terzo trimestre. I player si dividono soprattutto sulle stime della durata della domanda forte perché la stagione dei monsoni in India e le crescenti preoccupazioni per una seconda ondata di COVID-19 in Asia stanno gettando dubbi sul fatto che la domanda sia forte abbastanza da assorbire un nuovo giro di aumenti.

Uno sguardo più approfondito su ciò che è successo al PVC nel Q2

In Asia la pandemia di coronavirus ha iniziato a colpire i mercati nel primo trimestre dell’anno ma ha avuto l’impatto più devastante sui prezzi di PVC nella prima metà del secondo trimestre.

Uno dei maggiori produttori di Taiwan – che spesso guida il mercato fissando i prezzi mensili – ha annunciato le offerte di PVC di aprile con diminuzioni di $50/ton dopo tre mesi consecutivi di aumenti. A maggio, il produttore si è avvicinato al mercato cinese con un calo significativo di $160/ton mentre aveva saltato le offerte all’India, sottolineando la domanda ridotta a causa del lockdown introdotto per contrastare il COVID-19.

La Cina è stata il primo paese a uscire dal lockdown nella prima metà di aprile, di conseguenza ha vissuto una ripresa della domanda prima di altri paesi asiatici. La domanda in crescita dalla Cina ha iniziato a invertire il trend ribassista verso metà maggio.

Dopo due mesi di forti cali, il produttore di Taiwan si è avvicinato ai mercati asiatici con aumenti per giugno e luglio, aumentando le offerte di PVC rispettivamente di $40/ton e $90-100/ton.

Secondo i dati medi settimanali del Price Index di ChemOrbis, i prezzi di k67 CIF Cina/India per tutte le origini hanno perso il 29-31% durante il trend ribassista tra metà marzo e inizio maggio, mentre hanno recuperato circa il 70% del terreno perso fino ad ora.

I dati suggeriscono inoltre che entrambi i mercati sono sui livelli più alti dall’ultima settimana di marzo.



Quali fattori delineano il terzo trimestre?

“Gli aumenti dovrebbero essere supportati ancora da una serie di fattori come la disponibilità corta, i costi in crescita delle materie prime e la domanda forte in Cina. Il sentimento dovrebbe restare forte nel prossimo future”, hanno osservato la maggior parte dei player.

Secondo i dati del Price Wizard di ChemOrbis, i prezzi spot dell’etilene su base CFR Cina sono attualmente sui massimi degli ultimi nove mesi mentre i prezzi spot di VCM con termini simili sono ai massimi degli ultimi tre mesi.

I venditori che operano in Cina e Asia hanno confermato questa settimana che la domanda forte dal paese è rimasta intatta per i livelli corti dell’offerta. “I prezzi non hanno visto grandi cambiamenti finora questa settimana perché il mercato è in attesa dell’annuncio del produttore di Taiwan per agosto per capire la direzione dei prezzi. Considerando la presenza continua di fattori rialzisti, non saremmo sorpresi se il produttore annunciasse un aumento per il terzo mese consecutivo”, ha osservato un trader in Cina.

Dall’altra parte della medaglia, alcuni player hanno un approccio più cauto.

“Il mercato potrebbe consolidarsi dopo aver assorbito i forti aumenti degli ultimi due mesi, soprattutto con l’India alle prese con la stagione dei monsoni che tende a indebolire la domanda. Inoltre, una seconda ondata di COVID-19 potrebbe portare a nuove restrizioni e influire sulle spedizioni”, hanno osservato.

Cautela è emersa anche in Vietnam. “I prezzi locali sono molto alti e non molte persone sono interessate a questi livelli. La domanda di prodotti finiti è calata del 20-30% a causa delle piogge. I prezzi potrebbero non salire di molto il mese prossimo o addirittura scendere”, ha affermato un trasformatore del Vietnam.

Prova Gratuita
Login