Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

PVC da Europa e USA commercializzato alla pari per volumi export ridotti in Turchia

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 24/01/2020 (14:00)
L’offerta inadeguata ha portato a un graduale aumento dei prezzi nel mercato del PVC in Turchia dalla metà di dicembre. La disponibilità ridotta delle esportazioni da parte di due dei maggiori fornitori, Stati Uniti e Europa, hanno fatto crescere l’interesse all’acquisto e rafforzato gli aumenti a gennaio.

Nel periodo compreso tra gennaio e novembre 2019, i tre fornitori principali di PVC della Turchia sono stati Francia, (129,000 ton), Messico (59,865 ton) e USA (50,303 ton), secondo i dati delle Statistiche di importazione di ChemOrbis.

Mercato import in crescita di quasi il 5% dall’inizio di gennaio

Gli aumenti di prezzo costanti si sono estesi all’inizio del 2020 perché i volumi di esportazione dagli USA sono rimasti piuttosto limitati anche dopo le festività di inizio anno. I prezzi del PVC di importazione sono aumentati di quasi il 5% ($40/ton) dall’inizio di gennaio. Secondo la Fotografia Prodotto di ChemOrbis qui di seguito, le offerte di k67 europeo sono aumentate di meno del 4% ($35/ton) nello stesso periodo, mentre il mercato tassabile è aumentato di oltre il 6% ($55/ton) in media.



*Clicca il tasto destro per visualizzare l’immagine a schermo intero in un’altra scheda.

K67 dagli USA tocca i $900 CFR per i fermi impianto

I fornitori di PVC americano sono rimasti fuori dal mercato all’inizio del nuovo anno. I player hanno attribuito che la mancanza di offerta alla domanda domestica buona negli USA e a una manutenzione programmata della Formosa Plastics sul PVC. Circa 800,000 ton/anno di PVC della società saranno assenti dal mercato per una manutenzione di un mese. Inoltre, i volumi di altri produttori inclusi Oxy, Westlake e Shintech sono modesti.



*Clicca il tasto destro per visualizzare l’immagine a schermo intero in un’altra scheda.

Le offerte di PVC k67 dagli USA hanno toccato i $900/ton CFR Turchia, cash, sui massimi dopo nuovi aumenti di $25/ton sulla settimana. Un trasformatore di profili ha osservato “Abbiamo trovato le ultime offerte non attuabili mentre le controfferte in calo di $10-15/ton sono state rifiutate dal nostro fornitore. I produttori USA hanno indicato la mancanza di disponibilità come causa degli aumenti”.

Inoltre, i fornitori potrebbero aver ottenuto vendite positive in Cina prima dell’inizio del Capodanno lunare. “Le prime attese per marzo sono delineate dalle limitazioni dell’offerta per PVC e VCM in Cina, che potrebbe portare a un’attività di pre-buying. Questo ha probabilmente limitato le allocazioni per la Turchia, oltre ai fermi impianto”, hanno sottolineato alcuni player.

Prezzi in Turchia sfidano stabilità del mercato domestico in Europa

I carichi di PVC europeo sono stati venduti con aumenti modesti a gennaio a causa del ritardo nelle consegne dalla regione, come affermato dai buyer della Turchia. L’assenza di Messico, Ucraina e Russia e i carichi ridotti dal vicino Egitto si sono aggiunti agli aumenti, nonostante i mercati deboli dei prodotti finiti.

Secondo il Price Index di ChemOrbis, le limitazioni all’offerta hanno fatto crescere i prezzi di PVC k67 europeo ai massimi degli ultimi sei mesi a metà gennaio.

Questo non è successo però nel mercato domestico europeo, dove l’offerta non è stata colpita molto dagli scioperi in Francia. In Italia, i distributori hanno chiuso il loro business con rollover sul mese, in linea con il contratto dell’etilene. La maggior parte di loro ha ammesso di aver visto una domanda calma dai clienti, mentre l’offerta resta buona.

Anche se le prime attese per febbraio indicano leggeri aumenti per il prossimo contratto dell’etilene, sulla base dell’aumento dei prezzi spot del monomero, i mercati volatili di nafta e petrolio e lo stato non chiaro della domanda di PVC potrebbero avere la meglio a febbraio.

k67 americano e europeo offerti alla pari

Il gap tra le origini USA ed europee si è annullato a causa degli aumenti rapidi del materiale USA. Il delta tra i due era di circa $55/ton due mesi fa, secondo i dati di ChemOrbis, prima che il k67 USA superasse di $5/ton i prezzi europei questa settimana.



I player ritengono che la mancanza del gap tra le due origini possa far perdere competitività al PVC USA in Turchia, e hanno sottolineato “I tempi di consegna più lunghi e la perdita di competitività potrebbero pesare sull’interesse all’acquisto per i carichi americano, considerando che sono offerti alla pari di origini non tassabili. Il PVC europeo, intanto, potrebbe essere pronto a nuovi tentativi di aumento, viste le circostanze.
Prova Gratuita